Martina Benedetti, infermiera professionale di Marina di Massa, è conosciuta soprattutto per il suo famoso selfie divenuto virale sui social all’inizio della pandemia (marzo 2020) quando pubblicò la sua foto con il volto segnato dalla fatica e dalle ore continuate di duro lavoro con le protezioni.

A distanza di due anni Benedetti ha al suo attivo un libro proprio sulla pandemia e un romanzo fresco di stampa, “Fushimi Inari” pubblicato da Giovane Holden Edizioni che sarà presentato domani – mercoledì 20 aprile Villa Argentina a Viareggio, ore 17 nella sala Parenti, nell’ambito degli incontri letterari del mercoledì.

Martina Benedetti

Oltre all’autrice sarà presente l’editor Francesco Grassi Niccolai.

La sinossi del romanzo racconta che Sophia Turner è una giornalista del ‘Views’, popolare testata di New York legata ai politici conservatori. Una famiglia ricchissima, un attico esclusivo, potrebbero descrivere la sua vita come un sogno. In realtà la sua esistenza è fredda, priva di affetti e neppure il suo lavoro le dà soddisfazione. Il presagio di cambiamento è un semplice biscotto della fortuna, pescato in un ristorante giapponese…Da lì a poco, una strana magia la catapulta, spettatrice eterea e sorpresa, nei ricordi di Dave Williams, un uomo che con lei sembra condividere solo la professione: squattrinato, idealista, sensibile alle cause dei più deboli. Sophia scopre che Dave sta lavorando, sulle pagine dell’ Expose, allo stesso suo caso, la presunta violenza sessuale compiuta da un membro del Congresso su una cameriera. Naturalmente le verità che l’uno e l’altra devono costruire sono molto diverse. Una serie di coincidenze, interpretabili solo come il più profondo dei destini, li porterà però fianco a fianco al Fushimi Inari, il grande santuario sulle alture di Kyoto, associato dalle tradizioni alla prosperità e alla fortuna. 

Martina Benedetti, nata nel 1992, vive a Marina di Massa. Dopo il diploma al liceo linguistico, si è laureata in Scienze Infermieristiche e lavora in Terapia Intensiva. È volto della campagna Italian Pride di DoDo, Italiani che si sono distinti durante la pandemia. È tutor di metodologia della ricerca clinica in fondazione GIMBE e collabora con studi legali quale consulente di percorsi per vittime di crimini d’odio. Sognatrice, amante della musica, dell’arte e dei viaggi ha un debole per l’Oriente, per le domande esistenziali e per J.R.R. Tolkien.

Per partecipare è necessario prenotare dal mercoledì al sabato 9:30 – 13:30; mercoledì e venerdì anche 14:30 – 18:30, tel. 0584 1647600 .

Ingresso gratuito fino al raggiungimento della capienza massima della sala. Si accede con certificazione verde rafforzata (Super Green pass) e mascherina Ffp2 – salvo per i soggetti esclusi dall’obbligo – previa rilevazione della temperatura corporea e sanificazione delle mani. Durante l’evento è obbligatorio mantenere la mascherina salvo le eccezioni previste dalla normativa.

(Visitato 19 volte, 1 visite oggi)

Rinviato incontro con Landini e Orlando previsto per venerdì 15 aprile a Viareggio

Il Consorzio 1 Toscana Nord ha ultimato i lavori di collegamento idraulico tra i fossi della Pineta di Ponente a Viareggio