“Noi siamo qui perché vogliamo comprendere cosa accade all’ospedale Versilia e intendiamo supportarvi perché condividiamo molte delle questioni che state portando avanti.” A parlare davanti all’affollato presidio convocato dal sindacato autonomo Fials, il sindaco di Forte dei Marmi che lo fa anche a nome dei colleghi presenti questa mattina all’ospedale Versilia, i primi cittadini di Seravezza, Lorenzo Alessandrini e Pietrasanta Alberto Giovannetti.

“Ci sono delle cose che non abbiamo affatto gradito, come la convocazione della Conferenza dei Sindaci dopo che il giorno prima era stata deliberata la partenza del direttore di Presidio il dottor Corsini. Non è solo una questione istituzionale, è chiaro che i sindaci possano solo rappresentare delle istanze e non hanno potere decisionale, ma una scelta con una ricaduta sul territorio così importante, si discute, si condivide.”

“Io ho lavorato anche nel privato – sottolinea il primo cittadino Murzi – ma ho deciso di operare nel servizio sanitario pubblico e sono stato orgoglioso di esserlo stato in quello sanitario toscano. Oggi non potrei più esserlo, c’è qualcosa che in questo sistema non va, c’è una guida che manca. Faccio solo un esempio: come è possibile che nel momento in cui si verifica un deficit di circa 300 milioni di euro, dalla direzione centrale non si organizzi una strategia di rientro, ma si mandi una lettera ai vari direttori generali in cui si chiede di tagliare indistintamente, senza una preventiva analisi ed una indicazione su quali capitoli risparmiare?”

Il sindaco Murzi ha una precisa idea sul Versilia di cui ricorda esattamente la genesi: “La costruzione di questo ospedale non fu una cosa facile, ci è voluta una mediazione durata 15 anni, è stata una conquista enorme, è un ospedale strategico e come tale va trattato e chi non lo ha capito sta facendo un errore enorme. Non è possibile portare via il direttore di presidio, a cui rinnovo la mia massima stima e i complimenti meritati per l’incarico ricevuto, il 1 di luglio in un ospedale turistico che d’estate diventa ospedale di quasi 500mila abitanti. Occorreva fare un percorso, un affiancamento per introdurre nei tempi giusti un nuovo direttore. Ho letto ieri che è stato attivato un bando accessibile dal 1 al 14 luglio per trovare un sostituto, come si fa a stare circa 15 giorni senza un direttore di presidio in un momento come questo? “

“Io e i miei colleghi di Pietrasanta e Seravezza – prosegue Murzi – abbiamo un compito chiaro: capire se l’Ospedale Versilia funziona o non funziona per i nostri concittadini e per i turisti ospiti. Non ho mai creduto che esistesse un programma reale di uno smantellamento dell’ospedale Versilia e non vorrei iniziare a crederci domani. Mi auguro che queste siano soltanto delle disfunzioni, un brutto sistema organizzativo che penso possa essere superato. Nel caso invece si trattasse di un piano predefinito, beh allora il discorso è completamente diverso e sono sicuro che noi sindaci saremo sulle barricate perché questo non è accettabile: l’ospedale Versilia merita di avere la rilevanza che ha e sia chiaro che questo territorio, come ha detto il presidente Carrai del Consorzio di Promozione Turistica, non vive di turismo solo perché è bello, ma perché è un luogo sicuro e la sanità nella sicurezza è uno degli elementi fondamentali.”

“Questa è la chiara e lampante evidenza – conclude il sindaco di Forte dei Marmi – che la riforma sanitaria delle tre macro aree delle Asl è completamente fallita.”

(Visitato 130 volte, 1 visite oggi)

Primo consiglio comunale dell’Amministrazione Murzi bis: eletto Presidente del Consiglio Michele Pellegrini

Il sindaco Giovannetti al presidio per l’ospedale Versilia