Le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil annunciano, con una lettera indirizzata al Prefetto di Lucca, la “proclamazione dello stato di agitazione del personale del comparto della ASL Toscana Nord Ovest, operante nell’ambito territoriale della Versilia”.

Una lettera che chiede al prefetto di intervenire per tentare la conciliazione tra la parti. Le Ooss “denunciano la grave situazione di carenza di personale – scrivono – esistente presso le Strutture della ASL Toscana Nord Ovest, ambito territoriale della Versilia (Ospedale Versilia).  La situazione degli organici all’interno delle Strutture Operative è divenuta preoccupante ed espone a rischio sia la salute psico fisica dei lavoratori addetti che la qualità delle prestazioni erogate”. Per i sindacati il personale è soggetto a “difficoltà, disagi, stress psicofisico, derivanti dalla carenza di medici, infermieri, tecnici, amministrativi”. La causa, per i sindacati, è di “pensionamenti non sostituiti, assenze lunghe, che si sommano alle tante precedenti uscite non sostituite. Ancora oggi il personale presente  deve farsi carico dell’attività del personale assente a vario titolo e non è più in condizione di reggere il carico di lavoro e l’impegno orario richiesto, anche a causa dell’esaurimento delle energie psico fisiche, dovuto appunto ad un super impegno pregresso”. 

(Visitato 74 volte, 1 visite oggi)

Incendio Massarosa, procuratore: “Rogo propagato da un solo punto”

GDF Lucca, 8 giovani marescialli nell’ambito del potenziamento della vigilanza estiva