Negli scorsi giorni, il personale della Capitaneria di Porto di Viareggio,
congiuntamente al personale della Polizia Municipale di Camaiore, ha eseguito
una serie di controlli demaniali presso alcuni stabilimenti a Lido di Camaiore.
I militari, hanno proceduto al sequestro di n. 2 aree adibite alla posa di
pannelli solari e solarium, in quanto le stesse aree erano invece utilizzate per la
ristorazione (per un totale di 188 mq di superficie cautelata) ed alla contestuale
notifica, con rilascio della copia al legale rappresentate della società, in
violazione dell’art. 54 (Innovazioni non autorizzate sul demanio marittimo) del
Codice della Navigazione, punito ai sensi dell’ Articolo 1161, ed in violazione
dell’art. 1164 sempre del citato Codice, per mancanza di altro titolo
autorizzativo, ai sensi dell’art.45/bis (Affidamento ad altri soggetti delle attività
oggetto della concessione), titolo già scaduto al momento del controllo.


La tutela del demanio marittimo, attraverso il contrasto alle occupazioni
ed alle innovazioni abusive, così come la salvaguardia e la protezione
dell’ambiente marino costiero, sono elementi cardine, qualificanti l’azione della
Guardia Costiera, soprattutto nei mesi estivi.


Nel solo nella stagione 2022, tredici (13) sono state le notizie di reato
comunicate all’Autorità Giudiziaria, dalla Capitaneria di porto di Viareggio, per
innovazioni ed occupazioni abusive, per oltre 2.000 mq di porzioni di
stabilimenti balneari sequestrati in tutta la Versilia.
Quattordici, invece, i verbali amministrativi elevati per la violazione
dell’Articolo 1164 del Codice della Navigazione, per un totale di circa 14.500
Euro di sanzioni comminate.
La Guardia Costiera di Viareggio ricorda di chiamare sempre il Numero
Blu 1530, per qualsiasi emergenza in mare.-

(Visitato 3.196 volte, 2 visite oggi)

Aggredisce autista di pullman, arrestato dalla polizia 

Disabilità e inclusione sociale: Marco Remaschi incontra i cittadini