Come di consueto ad aprile il CorchiaPark, sistema di attrazione culturali e naturalistiche del
Monte Corchia che fa perno sul paese di Levigliani, riapre alle visite e come succede ormai
da molti anni l’offerta è sempre più ricca e strutturata
.

“La grotta Antro del Corchia resta un’eccellenza e anche per quest’anno prevediamo un ulteriore aumento dei visitatori – afferma Emiliano Babboni, Presidente della struttura – ma ormai sono diventate una realtà importante anche le visite alle cave di marmo: quest’anno il calendario delle visite comincia già dal periodo pasquale e puntiamo a portare almeno 2000 persone a conoscere queste cattedrali di marmo scolpite nel cuore della montagna nel 2023; le cave di marmo del Corchia sono parte fondamentale dell’identità della nostra comunità e vogliamo che diventino una ricchezza per tutto il bacino turistico della Versilia, un’attrazione come questa arricchisce sicuramente l’offerta globale del territorio, anche nei confronti della clientela internazionale”.

Con le festività pasquali ripartono quindi grotte e le cave, ma anche le Miniere dell’argento vivo: antichissimo sito estrattivo visitabile e le escursioni guidate alle trincee della linea gotica, che passano proprio dal Corchia e offrono panorami mozzafiato ed una testimonianza storica unica ed emozionante.
Non può mancare l’offerta gastronomica leviglianese, portata avanti dai ristoranti del paese, vere e proprie istituzioni del gusto e templi della cucina versiliese: qui le ricette ed i metodi di preparazione sono gli stessi di sempre, in paese si possono ancora trovare le paste ripiene fatte in casa ed i sapori della tradizione, ottimi per condire una giornata davvero speciale alla scoperta dell’alta montagna con fronte mare.
Per tutte le informazioni si può consultare il sito www.corchiapark.it
Le visite possono essere prenotate allo 0584/778405.

(Visitato 362 volte, 1 visite oggi)

Azienda efficientamento energetico offre contratto a tempo indeterminato

Le aziende CIA e il loro km zero protagonisti alla “Via dell’orto”