Un pool di esperti tecnico – giuridici per predisporre ricorsi (a prezzi dedicati per gli associati Confcommercio) contro le delibere dei Comuni che hanno prorogato le concessioni balneari al 31 dicembre 2024. E’ questa l’iniziativa lanciata a livello regionale da Sib Confcommercio Toscana nel corso dell’ultima assemblea tenutasi venerdì scorso a San Vincenzo, in provincia di Livorno. E che viene adesso recepita e fatta propria dalle varie Confcommercio a carattere provinciale e interprovinciale. A spiegare le ragioni di questa decisione sono la presidente regionale di Sib Stefania Frandi e il presidente per le province di Lucca e Massa Carrara Luca Petrucci: “Le delibere varate dai Comuni – spiegano i due esponenti del sindacato balneari -, che a un primo sguardo superficiale potrebbero apparire positive per la nostra categoria, contengono in realtà ad una lettura più attenta due elementi di forte pericolosità. Il primo è che esse accorciano notevolmente la durata delle concessioni in nostro possesso, rispetto al termine del 2033 decretato a suo tempo dal Governo Conte”. “L’altro fattore – proseguono Frandi e Petrucci – è che le delibere dei Comuni siano in realtà propedeutiche all’allestimento delle gare già per il 2024. Un atto che giudichiamo illegittimo e oltretutto inopportuno politicamente, considerando il lavoro ancora in atto da parte dell’attuale Governo per risolvere una volta per tutte la questione delle concessioni, attraverso la cosiddetta mappatura”. “Per queste ragioni – chiudono i due presidenti – invitiamo tutti gli imprenditori interessati a contattare subito i nostri uffici per avere tutti i chiarimenti del caso. Naturalmente siamo a disposizione per organizzare, se richiesto, anche incontri informativi nelle nostre sedi di Viareggio e Massa”. Per info: 0584/618654 (sede Confcommercio di Viareggio).

(Visitato 55 volte, 1 visite oggi)

Porto di Viareggio, la Lega presenta una mozione in consiglio comunale

G20 spiagge a confronto col presidente della Camera