Una relazione dei vigili del fuoco impone interventi entro dicembre 2024

Massarosa (Lucca), 29 aprile – Non si trovano i documenti (ammesso ci siano) delle certificazioni antincendio, manca la certificazione dell’impianto elettrico o di quello del riscaldamento. E’ la situazione, certificata dai vigili del fuoco, di gran parte delle scuole del comune di Massarosa: almeno 9 scuole su 16 risultano inadempienti agli obblighi di legge.

 “Da anni – affermano i consiglieri comunali di ForzaItalia Pietro Bertolaccini e Marzia Lucchesi – ci occupiamo della sicurezza nelle scuole, visto che ne conosciamo lo stato nonostante che tempo addietro ce ne sia stato impedito l’accesso da parte di una delle due dirigenti. Ora, grazie ad una richiesta di accesso agli atti, siamo venuti a conoscenza della situazione reale, che forse è peggiore del previsto. Allo stato attuale gran parte delle scuole del nostro comune non sono sicure. Ci auguriamo che a mancare siano solo i documenti che attestino gli interventi fatti e non siano gli interventi stessi, perché altrimenti la situazione sarebbe ancora più grave. In ogni caso i vigili del fuoco, tramite il Ministero dell’Interno, hanno dato al Comune come termine ultimo la fine del 2024 per mettere a norma gli edifici. A questo punto chiediamo all’amministrazione una road map, un piano di interventi puntuale sulle nostre strutture scolastiche per garantire sicurezza ai nostri studenti, agli insegnanti e al personale che lavora nella scuola”.

La situazione certificata dai vigili del fuoco è questa: in almeno 8 scuole manca la certificazione per l’adeguamento antincendio. Si tratta del comprensivo Sforzi di via delle Sezioni, le Primarie di Massarosa, Pieve a Elici, Bozzano, Stiava e Piano del Quercione, a cui si aggiungono le medie Aldo Moro, l’infanzia di Pieve a Elici e l’Infanzia di Massarosa.
Oltre a ciò per le Primarie di Massarosa, Pieve a Elici, e Stiava, e per le scuole dell’Infanzia di Pieve a Elici e Massarosa mancano le dichiarazioni di avvenuto aggiornamento del Piano di emergenza e di evacuazione.

Pietro Bertolaccini

“Queste – dicono Bertolaccini e Lucchesi che sulla questione hanno presentato una interpellanza consiliare – sono solo alcune delle carenze più gravi riscontrate dai tecnici durante i sopralluoghi. Ma mancano anche le certificazioni degli impianti termici, degli impianti elettrici, mancano cartellonistica e personale addetto all’antincendio… Non vogliamo fare alcun allarmismo – sottolineano i due consiglieri di minoranza – ma non possiamo tacere: i nostri concittadini devono sapere le gravi carenze delle strutture in cui i loro figli studiano e passano gran parte della loro giornata. Allo stesso tempo chiediamo all’amministrazione di intervenire urgentemente, con un crono programma preciso, per aggiornare le documentazioni richiesta o effettuare gli interventi previsti per legge”.

(Visitato 117 volte, 1 visite oggi)

Centri estivi, al via le iscrizioni

Massarosa, già avviati controlli e verifiche sulle scuole