A termine di una complessa attività di indagine coordinata dal Comandante della Capitaneria di Porto di Viareggio Silvia Brini, sotto la direzione investigativa del Sostituto Procuratore della Repubblica di Lucca Dottoressa Sara Polino, i militari della Guardia Costiera hanno interrotto – lungo la filiera ittica della Versilia – un’attività criminosa, posta in essere da un unico soggetto a danno del consumatore e di numerosi esercizi commerciali.

Nei giorni scorsi i militari della Capitaneria di porto di Viareggio, su disposizione del Procuratore della Repubblica, hanno eseguito un decreto di perquisizione presso la privata abitazione di un pescatore ed hanno rinvenuto un locale abusivo, adibito alla trasformazione delle telline, privo di autorizzazioni sanitarie. Il prodotto ittico, una volta pescato, veniva cotto, sgusciato, raffreddato e successivamente riposto in contenitori in polipropilene per essere poi congelato con l’acqua di cottura. Le confezioni di anime di telline venivano immesso in commercio con documento di tracciabilità non corretti. Durante l’attività di Polizia Giudiziaria, i militari hanno sequestrate 88 vaschette in PVC contenenti, ciascuna, 400 grammi di anime di telline prive di etichettatura, corrispondenti a 35 chilogrammi di prodotto ittico congelato.

Il prodotto ittico – dopo essere stato analizzato dal servizio sicurezza alimentare, sanità veterinaria dell’ASL Toscana Nord Ovest, che ha collaborato alla complessa attività di indagine – è stato devoluto in beneficienza presso strutture caritative.

(Visitato 520 volte, 1 visite oggi)
TAG:
Slider

ultimo aggiornamento: 10-05-2024


Coffee break – Rassegna stampa podcast

Schiamazzi notturni, la polizia chiude un locale per 10 giorni