Versilia, 5 luglio 2024. L’ospedale Versilia si conferma ancora una volta centro di riferimento nazionale e internazionale per la chirurgia degli accessi vascolari per l’emodialisi. A ribadire questa eccellenza è la presenza, in queste settimane, all’ospedale di Lido di Camaiore, del professor Francesco Serino, responsabile della chirurgia vascolare allo Heart and Vascular Institute della Cleveland Clinic di Abu Dhabi, negli Emirati arabi uniti. Serino ha scelto l’ospedale versiliese per aggiornare le proprie competenze in vista della prossima apertura, ad Abu Dhabi, di una nuova clinica che avrà al centro della propria mission la chirurgia vascolare e la nefrologia. La scelta non è un caso. L’ospedale Versilia, infatti, è stato individuato dalla Società italiana di nefrologia come il centro di formazione di riferimento per tutto il nord Italia per gli accessi vascolari.”Gli accessi vascolari sono fondamentali per effettuare l’emodialisi, in quanto questo trattamento richiede l’accesso diretto al sistema circolatorio” spiega Massimiliano Migliori, direttore della Nefrologia del Versilia. “Gli accessi vascolari per emodialisi si confezionano utilizzando i vasi nativi del braccio e dell’avambraccio dei pazienti. Quando questo non è possibile si ricorre all’impianto di protesi vascolari o di cateteri venosi centrali a permanenza ad alto flusso: il loro corretto funzionamento è determinante per chi deve sottoporsi a trattamenti emodialitici temporanei o permanenti”. “Ho deciso di venire a seguire l’equipe della nefrologia del Versilia dopo aver chiesto informazioni a numerosi colleghi in tutto il mondo e dopo aver passato in rassegna diverse pubblicazioni scientifiche sulle riviste specializzate” dice il professor Serino, che ha avuto esperienze professionali al policlinico Gemelli di Roma, negli Stati uniti e a Singapore. “La mia attenzione si è focalizzata sul Versilia per due motivi: qui si eseguono numerosissimi interventi di accessi vascolari. I nefrologi si occupano direttamente del confezionamento degli accessi vascolari, lavorando quando le condizioni cliniche lo richiedono, con i radiologi interventisti e io chirurghi vascolari. E’ un modello di organizzazione differente da quello che esiste negli Emirati, dove invece le varie professionalità lavorano ancora separatamente. Per due settimane affiancherò i medici della nefrologia del Versilia e avrò così la possibilità di confrontarmi con loro su tutte le tecniche e le soluzioni che usano durante i loro numerosissimi e svariati interventi”.”Il modello funziona bene – aggiunge Francesco Serino – e consiglierei a tutti i miei colleghi di venire qui al Versilia a vedere come si lavora. Ringrazio il dottor Massimiliano Migliori, direttore del reparto, il dottor Stefano De Pietro, responsabile degli accessi vascolari, il dottor Giordano Fumagalli e tutta l’equipe sanitaria per la loro collaborazione che mi permette questa fantastica esperienza di aggiornamento professionale”.            “Ospitare il professor Serino è motivo di orgoglio e soddisfazione per tutta l’equipe – dice Migliori – essere apprezzati, a livello internazionale, per il lavoro che facciamo è un bellissimo incentivo a proseguire il nostro impegno quotidiano nella cura dei nostri pazienti”.
(Visitato 341 volte, 1 visite oggi)
TAG:
Slider

ultimo aggiornamento: 05-07-2024


Rotatoria di Motrone, chiusa la prima fase di progettazione