VIAREGGIO. I controlli degli uomini della Guardia Costiera di Viareggio per contrastare ogni forma di pesca illecita lungo l’intera filiera continuano senza sosta.

 Anche ieri sera, i marinai della Capitaneria di Porto di via Oberdan erano in servizio per verificare che in porto tutto si svolgesse regolarmente ed in sicurezza. Nel verificare appunto la sicurezza delle unità agli ormeggi e di tutti gli apprestamenti portuali, dopo le undici, sono state rinvenute, lungo il canale Burlamacca, delle cerchiaie.

Questi attrezzi vietati sono utilizzati per pescare le “cieche”, i piccoli d’anguilla che, essendo allo stato giovanile, non possono essere catturati. La pesca dei giovani provoca, infatti, un danno enorme all’intera specie che non ha modo così di riprodursi.

Le cerchiaie, quindi, sono state sequestrate ed allo sprovveduto pescatore è stato elevato un verbale salato per l’utilizzo di attrezzi vietati.

E’ da sottolineare che l’attività della Guardia Costiera mira, non solo a proteggere l’ambiente marino con interventi repressivi, ma anche ad informare tutti i pescatori sprovveduti che effettuare tipi di pesca vietati può costare molto caro.

Per ogni informazione può quindi essere composto il numero di emergenza 1530 che provvederà a mettere in contatto con l’Ufficio pesca della Capitaneria di Porto che potrà fornire ogni utile notizia.

leggi anche: Controlli della Capinateria sui ristoranti

– leggi anche: Tentata frode alimentare sventata

(Visitato 21 volte, 1 visite oggi)

APRE “THIASOS” DALLE CENERI DELL’EX BAR ZAGREO

DENUNCIATI PER GUIDA SENZA PATENTE E ASSICURAZIONE