PROSEGUE L’IMPEGNO DEL SINDACO LUNARDINI PER RIDURRE I COSTI DELLO SMALTIMENTO RIFIUTI - Comune Viareggio Versiliatoday.it

PROSEGUE L’IMPEGNO DEL SINDACO LUNARDINI PER RIDURRE I COSTI DELLO SMALTIMENTO RIFIUTI

VIAREGGIO. Il sindaco Lunardini persevera nell’obiettivo di contenere le tariffe dello smaltimento rifiuti e dunque interrompere la tendenza all’aumento della Tia. Anche a costo di trascinare in Tribunale Tev, cosa del resto proposta apertamente in una presa di posizione ufficiale di Viareggio e condivisa dagli altri Comuni.

“Il Comune di Viareggio ha portato all’attenzione del Consorzio Ambiente Versilia – dice Lunardini – una posizione molto ferma e determinata che si basa su una serie di punti fermi, già messi a verbale dal Consorzio: Viareggio ritiene valido l’accordo firmato il 19 febbraio del 2010 tra Cav, Tev, Provincia di Lucca e Ato Toscana Costa solo per quanto concerne il conferimento da parte dei comuni della Versilia di quantità non superiori a 80.000 tonnellate, in quanto nell’accordo stipulato nel 2010 le tonnellate mancanti per arrivare a 110mila dovevano essere fornite dagli altri territori toscani. Il mantenimento di questo tetto permetterebbe rilevanti risparmi per tutti i Comuni. In ogni caso, per quanto concerne la tariffa, riteniamo indispensabile arrivare a una sua riduzione, attraverso adeguate e forti forme di tutela giuridica”.

Secondo punto: “In merito alla chiusura dell’impianto di Falascaia – riferisce ancora Lunardini – il Comune di Viareggio ritiene necessario, indispensabile e urgente che CAV proceda con la causa a TEV per inadempienza contrattuale ai sensi dell’art. 12 del Contratto Daviddi. “Inoltre  l’Amministrazione comunale di Viareggio ritiene indispensabile, al fine della definizione della giusta tariffa, procedere ad un incarico tecnico per attivare il procedimento giudiziario.  In attesa di questa determinazione giudiziale abbiamo richiesto che sia riconosciuto a TEV un mero ristoro,  in ragione del mancato funzionamento dell’impianto di Falascaia, che produca una consistente riduzione del costo complessivo del servizio. Infine abbiamo proposta che, all’apertura del contenzioso con TEV/Veolia, si proceda anche a sospendere qualsiasi transazione che fosse nel frattempo intervenuta con l’Azienda”.

Questa posizione, conclude il sindaco Lunardini, è stata pienamente condivisa da Cav: “Ci permetterà di proseguire nell’obiettivo ultimo, che è poi quello che interessa le tasche dei cittadini, di frenare ulteriori, inaccettabili aumenti della Tia”.

 

(Visitato 23 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 23-03-2012 19:55