CAMAIORE. Voci discordanti sono quelle che si rincorrono a Camaiore e Lido. Tutto verte sulle commissioni consiliari, e su tutte le polemiche che ne sono scaturite.

In molti additano (tra gli altri) Pier Francesco Pardini, capogruppo Udc, come “pietra dello scandalo”. “Alla pre-consiliare per discutere in minoranza delle commissioni permanenti – dicono – Pardini non si è presentato”.

Lo stesso Pardini però fornisce una versione diametralmente opposta dei fatti. “Mezza giornata prima del consiglio comunale in questione – dice Pardini – ho contattato personalmente sia Mauro Santini che Alberto Matteucci (con un sms) del Pdl per chiedere loro un incontro per discutere tra di noi delle commissioni, e delle sue composizioni”. Pardini racconta: “Mi è stato risposto che non ci sarebbe stata nessuna pre-consiliare, ma che ci saremmo visti direttamente in consiglio comunale”.

E invece la pre-consiliare c’è stata e come. E vi hanno partecipato esponenti del Pdl, Marco Daddio della lista Per Matteucci sindaco, e Riccardo Bonuccelli dell’Udc. “Ho avuto conferma in questi giorni che la riunione che avevo chiesto c’è stata, ma a me è stata negata. Non solo a me, ma anche al Alberto Iacomini, che come segretario dell’Udc di Camaiore aveva tutto il diritto di partecipare. Non avendo avuto alcun incontro con il resto della minoranza, per motivi che non mi spiego, sono andato avanti in consiglio comunale con le direttive del mio partito, che altro dovevo fare?”

Pardini, semmai ce ne fosse bisogno, aggiunge anche: “Voglio anche precisare che il sottoscritto, e tutto l’Udc, a Camaiore rappresenta l’opposizione a questa amministrazione”.

+ leggi l’intervento di Alberto Iacomini, coordinatore Udc Camaiore

(Visitato 68 volte, 1 visite oggi)

MARIANI (PD) SUI TAGLI ALLE POSTE: “FAREMO UN’INTERROGAZIONE AL MINISTERO”

PELLEGRINI (FLI): “TURISMO IN CALO, COLPA DELLA CRISI MA ANCHE DEI PREZZI ALTI”