Viareggio, lite in pineta

TENSIONE IN PINETA DI PONENTE PER UNA LITE TRA EXTRACOMUNITARI

(foto Roberto Paglianti)
(foto Roberto Paglianti)

VIAREGGIO. Ancora un altro episodio di violenza nella pineta di Ponente a Viareggio. Ieri sera (21 agosto) poco prima della mezzanotte i clienti di un ristorante, “Il Pirata” , per proteggersi da alcuni extracomunitari che litigavano fra loro per problemi legati a sostanze stupefacenti si sono rinchiusi nel locale in attesa dell’arrivo di polizia e carabinieri.

All’arrivo delle forze dell’ordine sono stati notati tre extracomunitari che lanciavano oggetti contro la cancellata posteriore del locale, inveendo contro un cameriere che  lavora all’interno, ma alla vista degli agenti i tre si davano alla fuga.

Dalle testimonianze raccolte pare che  mezz’ora prima il cameriere, mentre andava a casa, ha avuto un diverbio con i due extracomunitari che successivamente in compagnia di un terzo individuo lo hanno aggredito costringendolo a trovare rifugio nel locale, dove in quel momento c’era gente (compresi bambini, visto che all’esterno c’è un baby golf).

Momenti di concitazione e di paura fino a quando le forze dell’ordine non hanno riportato la situazione alla normalità.

Uno degli aggressori nella colluttazione ha perso la camicia dentro la quale, nel taschino, c’era nascosto un panetto di hashih di 45,670 grammi che é stato sequestrato dagli agenti.

Proteste anche dei commercianti della pineta per i ripetuti episodi di violenza. Per ferragosto c’è stata la visita anche del Questore di Lucca, Claudio Cracovia per un sopralluogo nella pineta, ma nonostante i ripetuti arresti, lo spaccio di droga prosegue senza sosta.

(Visitato 22 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 22-08-2012 14:21