VIAREGGIO. Sono tre cittadini romeni le vittime dell’incidente della notte scorsa, poco prima dell’ingresso alla stazione ferroviaria di Viareggio – dove la tragedia del 29 giugno 2009 con l’esplosione della cisterna carica di gpl.

Nicolae Barbulescu, 35 anni, Vasile Revega 39 anni e Eugen Dorin Cusma 23 anni.

Addosso ai tre è stato trovato uno zainetto con chili di monete e un portafoglio rubato ad un cittadino viareggino: non è escluso che i tre fossero di ritorno dopo avere messo a segno dei furti nella zona della stazione e che stavano camminando sui binari quando si sono resi conto dell’arrivo di un treno passeggeri e per evitare l’impatto sono saltati nel binario accanto, ignari della presenza del treno merci che li ha investiti.

Due di loro sono stati sbattuti a fianco della linea ferroviaria, un terzo è rimasto schiacciato sotto il treno con il capo parzialmente spezzato e un piede amputato. Sono morti all’istante.

Il macchinista del treno merci è riuscito a frenare e fermare il treno poco prima dell’ingresso nella stazione ferroviaria.

Il più giovane dei tre era privo di documenti aveva con sé un documento del commissariato di polizia di Viareggio in cui lo avevano denunciato in data 15 ottobre per non inottemperanza ad una disposizione del Questore di Lucca di abbandonare il territorio nazionale.

Anche gli altri due erano conosciuti alle forze dell’ordine, ed erano senza fissa dimora.

La linea ferroviaria è rimasta interrotta per diverse ore su entrambi i binari.

L’incidente è avvenuto intorno alle una, solo verso le due e trenta su un binario sono transitati i treni merci lentamente.

Sul posto oltre ambulanze del 118 e l’automedica, personale del commissariato di polizia di Viareggio della Polfer di Pisa, vigili del fuoco, polizia scientifica.

La rimozione dei corpi è avvenuta stamani dopo i rilievi di rito.

(Visitato 45 volte, 1 visite oggi)
TAG:
ambulanza binari morti polizia stazione viareggio

ultimo aggiornamento: 19-10-2012


VANDALI ALLA STAZIONE. BAGNI CHIUSI PER DIECI GIORNI

SVUOTATI ALTRI ESTINTORI, SOSPESE LE LEZIONI AL LICEO MICHELANGELO