CASO ABUSI SERMAS. NATALI: "IL COMUNE NON SAPEVA NIENTE"

CASO ABUSI SERMAS. NATALI: “IL COMUNE NON SAPEVA NIENTE, I COSTI NON SARANNO A NOSTRO CARICO”

(foto Marco Pomella)
(foto Marco Pomella)

MASSAROSA. “A parte le espressioni, assolutamente improprie e fuori luogo, usate da Coluccini e relative alle vicende dell’impianto fotovoltaico di Massarosa, è opportuno fare nuovamente chiarezza sulla questione in modo ristabilire la verità dei fatti”.

Lo scrive il sindaco Franco Mungai e l’assessore ai lavori pubblici Stefano Natali. “Coluccini parla del documento inviato dagli Uffici Comunali alla Soprintendenza per il tetto della scuola elementare di Massarosa e da questo ne fa discendere conclusioni completamente fuori da ogni logica”, scrive Natali.

“Quel documento attesta semmai la bontà del lavoro fatto dall’Amministrazione comunale, dall’Assessorato ai Lavori Pubblici e dall’Ufficio Lavori Pubblici, il quale ha richiesto il permesso per il rifacimento del tetto e, per mero spirito collaborativo, il parere per l’installazione dell’impianto fotovoltaico, che avrebbe dovuto realizzare Sermas spa”.

Nessun amministratore né io personalmente – afferma l’assessore ai lavori pubblici, Stefano Natali – ha mai negato o detto che l’intervento dell’impianto fotovoltaico non fosse condiviso da un punto di vista dell’indirizzo politico da parte dell’amministrazione comunale, tant’è che lo stesso Coluccini cita a proposito due miei interventi sulla stampa con i quali esprimevo la volontà politica dell’amministrazione. È poi del tutto evidente che se si interviene sulla stampa si è perfettamente consapevoli che tale operazione è prevista”.

La realizzazione vera e propria – continua l’assessore Natali – come da atti ufficiali e dalla Convenzione approvata dal Consiglio Comunale relativa all’approvazione delle modifiche dello Statuto di Sermas spa, spettava invece all’autonoma gestione della stessa Sermas spa, come abbiamo più e più volte ribadito: nessuno certamente ha chiesto all’ex Presidente di Sermas Spa, Angelo Battaglia, di realizzare un impianto non regolare e non supportato da tutte le autorizzazioni necessarie previste dalla legge”.

“Non a caso – ricorda Natali – l’ex Presidente di Sermas, Angelo Battaglia, si è assunto tutte le responsabilità per l’accaduto, spiegando le motivazioni della sua

(foto Pomella)
(foto Pomella)

scelta”.

“Si continua, in maniera strumentale una polemica del tutto sterile – dice Natali – non rendendosi in realtà conto che alla fine l’impianto è stato rimosso e che ne l’installazione ne la disinstallazione hanno comportato, come affermato sia dal sindaco che dall’attuale presidente di Sermas, alcun costo per il Comune e per la Sermas”.

” Coluccini continua, forse perché confuso, a premere su questo tasto, non rendendosi conto che l’unico e vero fatto tangibile è che questa amministrazione ha investito ben 410.000 euro solo per la risistemazione del tetto della scuola elementare di Massarosa, cosa che tutti possono vedere e apprezzare, tetto, che, è bene ricordare, era fortemente compromesso da molti anni”.

(Visitato 35 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 14-01-2013 18:30