(foto Stefano Dalle Luche)
(foto Stefano Dalle Luche)

CAMAIORE. Il rapporto della città di Camaiore con gli sport legati al mondo dei motori è sempre stato importante. Tuttavia, nel 2013, di fronte ad un bilancio difficile e alla inevitabile revisione della spesa per evitare tagli su settori sensibili e sui servizi alla cittadinanza, l’Amministrazione Del Dotto ha deciso di non finanziare l’evento del ‘Rally del Carnevale’.

Circa una decina di anni fa, il Rally del Carnevale, che aveva la sua naturale location a Viareggio, venne esteso per volontà politica diretta del sindaco Bertola sul territorio di Camaiore, con un ingente contributo economico da parte dell’allora amministrazione di centrodestra. Poi, negli anni seguenti, i contributi sono stati erogati anche da enti vicini al Comune: le società Sea e la Pluriservizi, tutte realtà pubbliche che però versano, oggi, in gravi problemi finanziari. C’è da considerare che, oltre al finanziamento diretto, l’evento comportava anche costi aggiuntivi per l’Ente, dovuti all’utilizzo del Palasport e delle sale comunali, all’impiego degli agenti della Polizia Municipale e degli operai, a cui andavano aggiunte le eventuali riparazioni a danni derivanti dalla gara sulle strade.

Adesso, l’Amministrazione punta ad investire le risorse ‘in cassa’ valutando eventi e manifestazioni che promuovano le peculiarità del territorio, come percorsi ciclabili, di mountain bike e di trekking.

Non è assolutamente in discussione la professionalità della scuderia Balestrero che in questi anni si è sempre prodigata per raggiungere obiettivi importanti e di alto livello – spiega l’assessore al Turismo Carlo Alberto Carrai – Tuttavia, dovendo necessariamente decidere secondo priorità, dobbiamo differenziare le politiche di crescita del settore sportivo anche in un’ottica di sviluppo turistico e marketing territoriale, puntando su attività che possano portare e trattenere nel nostro comune, tutto l’anno, gli amanti di svariate discipline”.

Questa decisione è coerente al programma condiviso che ci ha portato alla guida del Comune di Camaiore – aggiunge l’assessore allo Sport Veronica Cortopassi – La nostra volontà è quella di valorizzare attività sportive che rispettino l’ambiente e si rivolgano ad un’ampia fascia di persone, senza limiti di età e capacità. Esistono discipline poco pubblicizzate ma praticate da un grandissimo numero di appassionati, ed è anche a loro che abbiamo deciso di rivolgerci”.

Voglio rassicurare gli sportivi del settore rallystico – conclude il Sindaco Alessandro Del Dotto – Manifestando la disponibilità del Comune a valutare progetti auto-organizzati e auto-finanziati. Questa scelta, tuttavia, si rende necessaria per recuperare il ruolo di promozione che al Comune spetta su tutte le tipologie di attività sportive, specie quelle che ci inseriscono nei circuiti turistici legati all’ambiente, al paesaggio e al benessere”.

+ leggi la precisazione della Scuderia Balestrero

+ leggi qui il commento polemico del presidente della Fondazione Carnevale Alessandro Santini

 La decisione arriva dopo la proposta – e le seguenti polemiche – di Sel di abolire il Rally di Camaiore, e dopo l’incidente registrato durante l’ultima edizione con dei chiodi lasciati sull’asfalto.

(Visitato 31 volte, 1 visite oggi)
TAG:
2013 balestriero camaiore carnevale cortopassi rally

ultimo aggiornamento: 22-01-2013


POLVERE DI LEGNO NEI LUOGHI DI LAVORO, SE NE PARLA ALLA CONFARTIGIANATO VIAREGGIO

L’IMPORTANZA DELLO STILE DI VITA A VILLA BERTELLI A FORTE DEI MARMI