MASSAROSA. “La campagna delle bugie”, così il sindaco Franco Mungai ha definito le recenti esternazioni dell’ex sindaco Fabrizio Larini che “hanno un unico scopo: infangare l’ottimo lavoro fatto da questa amministrazione mettendo in ombra i risultati conseguiti e riconosciuti a livello nazionale. Inoltre, ha tenuto a precisare non riconosco a Larini, in questo momento nessun ruolo. Se desidera continuare ad interloquire pubblicamente con questa amministrazione lo faccia candidandosi e assumendosi responsabilità dirette. Per me è un comune cittadino”

.Mungai è passato poi a fornire le cifre: “114 dipendenti nel 2008- 105 nel 2012 , 5 dirigenti nel 2008 – 4 nel 2012 e 3 nel 2013.  418.968,50 euro il costo dei dirigenti nel 2008, 344.396,44 nel 2012 mentre per il 2013 c’è in previsione un ulteriore risparmio pari a € 70/80 mila euro per la presenza di un dirigente in meno”.

“Il costo del segretario era di 101.869,55 nel 2008 con la brava Rosa Priore, oggi per Canessa è di 83.456,04 nel 2012”.

“L’ispezione Ministeriale -ha precisato Mungai- che sia alla Corte dei Conti-sezione regionale che alla Procura della Corte dei Conti, ha evidenziato erogazioni illegittime al personale dirigente nel periodo 2004-2008 per € 74.949,14 e al personale dipendente per € 630.656,12, effettuate dall’amministrazione Larini. Tali importi a seguito delle controdeduzioni sono stati quantificati in un danno totale di € 146.820,43 “fatte salve diverse valutazioni della Procura della Corte dei Conti. Anche l’incarico dato da Larini all’avvocato Tamassia ( € 6.000) per la difesa dell’Ente in questo contenzioso è stato ritenuto improprio dall’ispettore”.

Ecco poi le cifre del personale. “Nel periodo dal 2007 al primo semestre 2009 il comune di Massarosa ha utilizzato forme di lavoro flessibili (co.co.co. lavoratori interinali o a progetto) per € 758.621,12- ha spiegato il sindaco Dal secondo semestre 2009 per queste tipologie di lavoratori noi abbiamo speso € 105.450,88 mentre la spesa per professionalità esterne utilizzate dal 2009 da questa Amministrazione ammonta a complessivi € 186.009,75 e comprende anche l’ incarico alla dottoressa Tazzioli, diversi affidamenti come supporto al Rup Riguardo poi alla questione dell’avvocatura comunale, istituita nel 2002 da Larini, ricordo innanzitutto che quando in un Comune esiste l’avvocatura ci si può avvalere di avvocati esterni solo per casi particolarmente complessi”.

“Larini – ha precisato Mungai – in quel periodo ha affidato incarichi per € 326.400,10 allo studio Morbidelli e Righi di Firenze nonché un incarico (arbitrato comune di Massarosa/TME spa e Tev spa) allo studio Alpha Galletto mettendo in bilancio solo € 32.630,07 . Trattandosi quest’ultimo di un incarico affidato senza preventivo, la somma è lievitata fino all’esorbitante e incredibile cifra di € 1.204.288,00 di cui € 134.639,49 a carico del comune di Massarosa e i rimanenti a carico dei comuni della Versilia. Ovviamente, abbiamo dovuto fare una transazione (servita ad evitare che lo studio ci addebitasse ulteriori spese e interessi) in base alla quale dal 2012 siamo costretti a pagare € 401.429,60 all’anno per 3 anni”.

Passando poi all’avvocatura comunale Mungai ha spiegato che in dettaglio le spese: “€ 122.439,29 nel 2006, € 219.031,24 nel 2007, € 120.845,68 nel 2008, € 107.186,06 nel 2009, € 50.000,00 nel 2010, € 193.000,00 nel 2011 dei quali ben € 41.925,00 per transazione Metal Com prima rata che altro non è che un’altra delle eredità scomode lasciate da Larini, € 185.651,29 nel 2012 e come al solito anche qui € 44.879,83 transazione Alpa/Galletto prima rata; € 25.903,24 Morbidelli Righi e € 41.925,00 per transazione Metal Com seconda rata”.

“In pratica- precisa Mungai- abbiamo speso un terzo di quello che spendeva Larini.

“L’avvocatura comunale dal 2009 ha avuto in carico 50 cause, delle quali 24 sono state espletate direttamente, 10 di natura più complessa le ha fatte l’avvocatura in collaborazione con l’avvocato Altavilla, 2 sempre particolarmente complesse in collaborazione con studio Alpha Galletto, 7 sono state obbligatoriamente affidate all’esterno poiché si trattava di risarcimento danni nei quali l’assicurazione indica il legale di riferimento, 3 affidate all’esterno trattandosi di appelli al Consiglio di Stato nei quali il nostro legale, non avendo ancora maturato l’anzianità necessaria, non poteva rappresentare l’Ente e 4 costituzioni di parte civile affidate rispettivamente all’Avv. Marzaduri-Causa Tev per necessità di continuità ed omogeneità dell’azione promossa dai comuni della Versilia, all’ av. Salidu – per causa Baccanella e Tropicana per un evidente conflitto di interessi dell’avvocato comunale, all’avv. Buratti- processo strage nazista, per omogeneità dell’azione promossa dai comuni della Versilia. Ad oggi l’avvocatura comunale registra oltre il 90% di cause vinte. Le cose si fanno con poche spese – ha detto Mungai – ma senza spese non è possibile. Per le cause più complesse abbiamo scelto l’avvocato Altavilla. E’ normale, visto che si tratta di incarichi fiduciari, e visto che, scegliendo spesso lui, è possibile una migliore contrattazione sulla parcella”.

“In riferimento poi all’accusa di aver speso meno per il personale e più per affidamenti esterni, per l’erogazione di servizi, confermiamo la validità del dato. Ma c’è una spiegazione logica – spiega Mungai – : abbiamo speso di più per affidamenti esterni perché a causa della violazione del patto di stabilità fatta da Larini non potevamo assumere personale e perché la legge ci consente di assumere 1 persona ogni 5 andate in pensione. Se volevamo garantire i servizi non c’era altra strada e oltretutto il costo globale del servizio è calato. Ad esempio il costo totale del trasporto scolastico è calato del – 23,97%. Nel 2008 il servizio costava complessivamente al Comune € 326.202,95 mentre nel 2012 è costato € 248.020,80 . Per gli asilo nido nel 2008 il costo è stato di € 596.045,30 calato a € 549.678,78 nel 2012 ( – 7,78%). Per quanto riguarda invece la refezione scolastica- conclude Mungai- c’è stato un aumento del costo globale del servizio, giustificato dalle maggiori prestazioni qualitative dell’appalto, giudicato uno dei migliori in Toscana”.

Il sindaco risponde anche ad alcuni degli attacchi di Larini. “Si vantano di aver fatto il project? La scuola costruita con quel sistema – ha detto Mungai  – fa acqua da tutte le parti”.

“Ci attacchino sui nostri obiettivi e sulle nostre idee – ha aggiunto il vicesindaco Adolfo Del Soldato – e non sul modo che adottiamo per raggiungerli e sui dirigenti”. C’è poi il capitolo Tazioli, uno degli incarichi contestati in questi ultimi tempi. “Abbiamo fatto una gara – ha spiegato Mungai – e lei si è aggiudicato il bando. Oltre alle mansioni stipulate, le abbiamo chiesto di occuparsi anche del bando per le mense. Per questo non è riuscita a svolgere a pieno l’oggetto dell’incarico riportato nella determina. Ecco perché le abbian concesso più tempo. Ma si tratta di un’unico incarico, con la somma stabilita all’inizio, senza aumenti. Al Comune è convenuto: oltre a fare il lavoro pattuito le abbiamo chiesto altri compiti senza aggravio di spese per l’ente pubblico. Quel è il problema?”

(Visitato 141 volte, 1 visite oggi)

COBAS: “TROPPE OMBRE SULLA CASSA INTEGRAZIONE A PIOPPOGATTO”

DOMENICA INAUGURAZIONE DELLA “TERRAZZA DELLA VERSILIA” A CAPEZZANO MONTE