VIAREGGIO. Il Carnevale estivo, in programma il 27 luglio e 14 agosto sui viali a mare, non è ancora iniziato e già fa discutere. Nello specifico, a sollevare il polverone è il manifesto ufficiale dell’evento, realizzato da Paco Cacciatori, accusato di plagio.

Versiliatoday già lunedì pomeriggio aveva evidenziato che l’opera di Cacciatori ricorda il manifesto che Giuseppe Garone, viareggino conosciuto nel mondo del Carnevale in qualità di aiutante del carrista Roberto Vannucci, aveva realizzato per il concorso del manifesto ufficiale 2012: si classificò al secondo posto, anche se in realtà il vincitore Simone Rossi fu squalificato in quanto collaboratore esterno della Fondazione Carnevale. In quel manifesto, il Burlamacco di Bonetti emergeva dalle onde del mare, similmente al “Burla-sirenetto” di Cacciatori.

Il caso è stato rilanciato dal quotidiano “La Nazione” di Viareggio in un articolo il cui titolo recita “‘Quel manifesto è un plagio’ – E scoppia la polemica”. Alessandro Santini, presidente della Fondazione Carnevale, replica a Garone tramite il suo profilo Facebook: “Caro Beppe Garone, questa pagliacciata te la potevi anche risparmiare. Ma quale plagio? Secondo te veramente un professionista della comunicazione come Paco Cacciatori ha copiato il tuo disegno del 2012?”, domanda Santini.

“Davvero credi che Burlamacco e il mare non siano mai stati usati da nessuno? Solo tu hai avuto la geniale pensata di utilizzare Burlamacco e le onde? Hai mai visto le decine e decine di manifesti ? Hai mai visto le migliaia di bozze che rappresentano Burlamacco in tutte le fattispecie e posizioni e contesti? Il tuo disegno tra l altro era per un concorso per il manifesto ufficiale mentre questo Paco Cacciatori lo ha regalato come manifesto estivo 2013.

“Ti ricordo inoltre che Burlamacco è un marchio registrato: proprietari ne sono al 50% la Fondazione Carnevale di Viareggio e la Famiglia Bonetti. Sul manifesto che tu accusi di plagio, approvato dalla Fondazione Carnevale che è custode del marchio, trovi chiaramente sulla destra in basso una dizione ‘con l’approvazione di Adriana Bonetti’. Quindi questo manifesto, unico nel suo genere è stato ufficialmente approvato dai suoi proprietari – la Fondazione Carnevale di Viareggio e la Famiglia Bonetti.

“Caro Beppe, ma come puoi pretendere di gridare allo scandalo e come puoi dichiarare che ci sia un plagio di fronte all’unicità dell’immagine di Burlamacco sirenetto? Mai prima d’ora Burlamacco era stato raffigurato così, mai. Le onde del mare, fino a prova contraria, non sono affatto un’invenzione grafica di Beppe Garone e nemmeno sono un marchio registrato.

“Forse, invece, potremmo dire che Beppe ha plagiato Uberto Bonetti poiché nel suo disegno del 2012 utilizza il marchio ufficiale della Fondazione Carnevale e l’immagine classica fatta da Uberto Bonetti senza aver fatto nessuna modifica: un normalissimo, conosciutissimo, classico Burlamacco mezzobusto a braccia alzate. Eppure, nel vederlo, nessuno di noi si scandalizzò e gridò al plagio, poiché Garone aveva fatto semplicemente ciò che avevano fatto in tantissimi prima di lui, ovvero ricopiare pari pari il Burlamacco di Bonetti senza nemmeno ritoccarlo.

“Paco Cacciatori si è inventato un’immagine inedita, nuova e fresca, apprezzata ed approvata dalla Fondazione Carnevale e dalla famiglia Bonetti, ergo non esiste nessun plagio, mentre qualcosa da ridire ci sarebbe sul tuo disegno. Ma in mezzo a tutte quelle onde che hai disegnato per la prima volta (?) potremmo dire che è ‘acqua passata’.”

@GorskiPark

(Visitato 189 volte, 1 visite oggi)

CON LO SPETTACOLO PIROTECNICO SI CHIUDE IL CARNEVALE 2013. TUTTE LE IMMAGINI DELLE PREMIAZIONI

DEL DOTTO: “IL RALLY DI CARNEVALE PARTIRÀ DA LIDO. CONFERMATO QUELLO DI CAMAIORE”