Baldini (Mov. Cittadini): "Betti crede ancora nella battaglia del Tribunale?" - Politica Viareggio Versiliatoday.it

Baldini (Mov. Cittadini): “Betti crede ancora nella battaglia del Tribunale?”

VIAREGGIO. “Nell’apprezzare ancora una volta il grande impegno del Presidente dell’Ordine degli Avvocati Alessandro Garibotti e del collega Avv. Riccardo Carloni che anche stamani, malgrado il trasferimento in atto degli uffici giudiziari del Tribunale di Viareggio a Lucca, hanno ribadito la volontà di non abbandonare la battaglia affinchè la città e la Versilia non perdano definitivamente il loro presidio giudiziario, rilevo la preoccupante contraddizione in cui è caduto il Sindaco Betti che ha dichiarato nel suo intervento la volontà di trasferire nelle sale dell’ormai ex Tribunale di Viareggio gli uffici della Polizia Municipale o della Patrimonio srl”. Così si esprime, attraversa una nota, Massimiliano Baldini, Capogruppo in Consiglio Comunale Movimento dei Cittadini per Viareggio e Torre del Lago Puccini, sulla chiusura del Tribunale di Viareggio.

“Ovviamente – ed in questo senso mi riferisco principalmente alla Senatrice Granaiola che a più riprese ha dichiarato di voler continuare ad impegnarsi a Roma in Parlamento e presso il Ministero affinchè si possa ottenere una modifica delle attuali disposizioni di legge – che laddove l’immobile del Tribunale fosse destinato ad uffici del Comune come la Polizia Municipale o la Patrimonio srl si sarebbe posta una pietra tombale su qualsiasi rivendicazione e sulla possibilità di veder ritornare in città le aule di giustizia della Versilia.
È comprensibile che il Comune di Viareggio abbia un interesse economico a sfruttare questa opportunità ma non si può avere la “botte piena e la moglie ubriaca” e quindi si decida, tutti insieme non il Sindaco da solo, se Viareggio vuole ancora portare avanti la battaglia per il suo Tribunale o se la considera in realtà perduta allocando in quell’immobile altri uffici”.

Alcuni illustri avvocati del nostro Foro, nei giorni scorsi ed anche stamani, hanno giustamente sollecitato i nostri rappresentanti parlamentari a “pesare” sui tavoli romani ed, aggiungo io, “a pesare anche un quarto di quanto pesava Paolo Barsacchi.

Sarebbe davvero una beffa se un’eventuale modifica legislativa, magari faticosamente raggiunta nei prossimi mesi a seguito delle proteste che si stanno sollevando in tutto il Paese, non potesse essere sfruttata perchè non più disponibili i locali del nostro storico Tribunale”.

(Visitato 12 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 14-09-2013 16:45