dal nostro inviato

PISA. Non ha la barba bianca e non è di corporatura robusta. Lui di regali non ne ha portati tanti, ma uno soltanto. Il più bello che potesse esserci. Cosa se ne fanno di Babbo Natale i tifosi del Viareggio? A renderli felici ci ha pensato Ighli Vannucchi: una stoccata di fino al minuto 43 della ripresa che spedisce dietro la lavagna un Pisa fischiato senza pietà dal suo pubblico.

Le zebre non sbancavano l’Arena in campionato da vent’anni: era il 1994, campionato di Eccellenza. In panchina c’era Marcello Tentorio, in porta Alessandro Mannini. Finì 4-0 con doppiette di Scozzi e Vignali. Un’attesa lunghissima, terminata oggi (22 dicembre), finalmente.

Sarebbe stato un peccato, se il Viareggio non avesse vinto. Ha rischiato grosso in due occasioni, è vero: nel primo tempo Gazzoli ha compiuto un miracolo su Arma (poteva essere letale l’appoggio sbagliato di Lamorte), mentre nella ripresa lo stesso centravanti ha sparato alto su bel cross di Napoli dalla destra. Gli unici due pericoli in una partita dove la squadra di Lucarelli ha saputo abbinare qualità (anche se con qualche pausa di troppo) ad un’organizzazione tattica a tratti eccellente.

Il gol è arrivato tardi. Poteva segnarlo prima il Viareggio, se non fosse stato per l’imprecisione di Romeo e per i meriti di Provedel sul sinistro da fuori di Rosafio nel finale di primo tempo.

Il Pisa ha deluso. E non poco. A sinistra Martella non ha sfondato (Peverelli lo ha contenuto quasi sempre), dalla parte opposta Napoli è stato l’ombra di se stesso. La sconfitta è la logica conseguenza di una giornata da dimenticare e che probabilmente rappresenta il capolinea dell’avventura nerazzurra di Pagliari.

Il Viareggio ha colpito alla fine, con Marongiu – da poco entrato al posto di Falasco – che si inserisce dalla destra, servendo Romeo, dal cui piede nasce un tiraccio che in realtà è un assist per il ben appostato Vannucchi. Destro piazzato e Provedel battuto. Si materializza così il gol che decide il derby.

Meglio non poteva finire il 2013 per il Viareggio. Che ha capito di valere più di quanto mostrato nel girone d’andata. C’è chi sogna in grande (il nono posto che vale i play-off). A Natale, un po’ di ottimismo, non guasta.

PISA-VIAREGGIO 0-1

PISA (4-4-2): Provedel; Lucarelli, Goldaniga, Kosnic, Sabato; Napoli (20′ st Bollino), Sampietro, Favasuli, Martella (40′ st Melis); Arma, Forte (30′ st Giovinco). (Pugliesi, Simoncini, Mattioli, Lenzini). All. Pagliari.

VIAREGGIO (4-3-3): Gazzoli; Peverelli, Lamorte, Conson, Falasco (40′ st Marongiu); Pizza, Galassi, Gerevini (24′ st Della Latta); Rosafio (29′ st Benedetti), Romeo, Vannucchi. (Furlan, Mancini, Ferrari, Gemignani). All. Lucarelli.

Arbitro: Rapuano di Rimini.

Rete: 43′ st Vannucchi.

Note: 3751 spettatori. Allontanato il tecnico Pagliari (Pisa) al 44′ st. Ammoniti Favasuli (Pisa), Gerevini, Romeo, Falasco, Lamorte, Marongiu (Viareggio). Angoli 3-2. Recuperi 1′ pt, 5′ st.

Gabriele Noli

Leggi anche:
Le pagelle di Pisa-Viareggio
L’intervista a Cristiano Lucarelli
L’intervista a Massimo Gazzoli
L’intervista a Stefano Dinelli
L’intervista a Simone Della Latta
L’intervista a Ighli Vannucchi
L’intervista a Diego Conson
L’intervista a Marco Rosafio
L’intervista a Fabio Lamorte
L’intervista a Luca Marongiu
L’intervista a Sergio Carnesalini
La giornata speciale di Christian Del Frate

Guarda anche:
La fotogallery di Pisa-Viareggio
La sintesi di Pisa-Viareggio

(Visitato 47 volte, 1 visite oggi)
TAG:
esperia viareggio lega pro pisa calcio

ultimo aggiornamento: 22-12-2013


Le pagelle di Pisa-Viareggio

Dinelli: “Contento per il mister, sta raccogliendo i frutti del suo lavoro”