dal nostro inviato

PAGANI. Non lo dice apertamente, ma Cristiano Lucarelli la speranza di portare il Viareggio ai play-off la nutre e come. “Vorrei spingere la squadra verso un obiettivo che prima del mio arrivo sembrava inimmaginabile”. Sorride il tecnico delle zebre. Perché adesso ha una rosa che corrisponde alle sue esigenze ed al suo credo calcistico: “Rispetto a Nocera siamo stati meno belli, ma più concreti – analizza – abbiamo sfruttato le occasioni create, soffrendo un po’ nella parte finale del primo tempo”.

Automatismi, qualità, spirito di sacrificio. C’è tutto questo nel Viareggio di Pagani: “Nella ripresa abbiamo giocato decisamente meglio. Sono felice perché ho ricevuto l’ennesima dimostrazione del fatto che ce la possiamo veramente giocare con tutti”.

La testa, adesso, è già rivolta al Pontedera: “Ho chiesto ai ragazzi di non festeggiare più di tanto, domani si torna subito in campo per preparare la gara di giovedì che per noi è fondamentale”.

G.N.

(Visitato 34 volte, 1 visite oggi)

Pizza, gioia a metà: “Contento per il gol, peccato per l’ammonizione”

Conson: “Attenti e concentrati. Ora capiamo di che pasta siamo fatti”