VIAREGGIO. “Le scuse di Matteo Martini, capogruppo del Pd in consiglio comunale, a mio avviso potevano essere evitate: quanto aveva affermato sul comportamento della consigliera Rossella Martina della lista civica ‘Viareggio era una città bellissima’ era assolutamente vero. Basta rileggere tutti i comunicati di Martina che hanno preceduto l’assemblea.” Così Emiliano Favilla, capogruppo consiliare della Federazione della Sinistra, commenta le scuse di Martini alla consigliera di opposizione Rossella Martina dopo il suo comunicato.

“Quindi, invece di avere apprezzato il gesto distensivo delle scuse, troppo buone, di Matteo Martini, sono state prese a pretesto dall’opposizione con inaudita cattiveria e senza scrupoli politici e morali, per rincarare la dose della strumentalizzazione. Se di scuse si doveva parlare si doveva cominciare da quelle che avrebbe dovuto presentare la consigliera Rossella Martina per il tentativo di organizzare caos e bagarre perché l’assemblea non si svolgesse in modo sereno e civile.

“Se l’esito auspicato dalla Martina non si è avverato, ciò e dipeso dalla responsabilità dei cittadini che oltre a non aver raccolto l’incitamento della Martina, hanno apprezzato, nella stragrande maggioranza, la disponibilità del sindaco Leonardo Betti a presentarsi a viso aperto al giudizio dei cittadini. E credo che i cittadini abbiano anche capito che i problemi da affrontare sono tanti e non di facile soluzione e, soprattutto, credo che abbiano anche capito che siamo in presenza di una buona parte dell’opposizione – non tutta – che niente a che vedere con la voglia di contribuire al buon governo della città.

“L’assemblea pubblica, che ha dato così fastidio all’opposizione, ci ha insegnato anche a noi della maggioranza che il dialogo diretto con i cittadini è un atto di trasparenza e disponibilità che dobbiamo assumere come metodo.”

(Visitato 19 volte, 1 visite oggi)
TAG:
emiliano favilla matteo martini rossella martina viareggio

ultimo aggiornamento: 04-03-2014


“Il vero potere forte occulto è l’assenza di decisioni politiche, non il sottoscritto”

“Arcus farebbe bene a indagare su come l’assessorato alla cultura spende i suoi soldi”