VIAREGGIO. “Le ipotesi per l’immediato futuro del Comune di Viareggio sono due: o si va al predissesto, e quindi l’attuale giunta prosegue la gestione ordinaria ‘spalmando’ su più anni il debito contratto, o si va al dissesto e al conseguente commissariamento. Questa seconda ipotesi sarebbe la più devastante: sancirebbe il fallimento del Comune e delle Fondazioni”. Così si è espresso Gualtiero Lami, vicepresidente del consiglio d’indirizzo della Fondazione, a margine della conferenza stampa indetta a Palazzo delle Muse questa mattina.

Lami, esponente del circolo “Manfredini” di Rifondazione Comunista che fa parte della maggioranza di centrosinistra in Comune, ha altresì ricordato che “l’attuale giunta si è ritrovata ad ereditare una situazione economica disastrata”.

Una giornalista lo punzecchia: “Da che parte stai? Parli come membro della Fondazione o come esponente di Rifondazione?”. E lui, serafico, risponde: “Lavoreremo affinché i soldi spettanti alla Fondazione vengano dati”.

(Visitato 22 volte, 1 visite oggi)

La Cna: “Inaccettabile che non ci siano soldi per i carristi, noi proviamo ad aiutarli”

“Viareggio ha bisogno di un piano di risanamento credibile, non di un elenco di etichette”