VIAREGGIO. “Cara Daniela Rombi e caro Marco Piagentini,  concordo con la vostra amarezza.  Con il consiglio aperto del 20.6.2014, conclusosi con l’altro consiglio del 28.6.2014, si è persa un’occasione per una condivisione delle vostre richieste  avanzate e sostenute con forza nel consiglio aperto monotematico sulla strage”.

A scriverlo è il consigliere di Rifondazione Emiliano Favilla.

Forse tutte le critiche ai consiglieri di maggioranza non sono giuste, perché bisogna sempre evitare di fare di “tutt’erba un fascio”,  ma il fatto di aver ceduto al ricatto dell’opposizione su quei  temi della strage che vengono dibattuti da anni e che sono stati accolti in tanti altri consigli comunali, è stato molto grave.   Com’è stato altrettanto grave il fatto di  aver ceduto all’opposizione per non fare un ulteriore confronto sulla mozione da preparare  ( come da voi richiesto)  con i capi gruppo e le vostre associazioni.

Fino alla sera della vigilia del consiglio del 28, in maggioranza avevamo concordato la mozione che avevo proposto io dopo avervi consultato. Nelle ore successive della notte c’è stato il capovolgimento ed  è successo che per trovare un “accordo ipocrita” con l’opposizione, parte della maggioranza,  ha ceduto alle loro richieste (mettendo in difficoltà anche il sindaco) fino al punto di  togliere dalla mozione  precedentemente concordata nelle file della maggioranza, quei punti che per voi familiari della strage erano significativi e qualificanti.

Spero ci siano altre occasioni per fare figure migliori. Un abbraccio”.

(Visitato 21 volte, 1 visite oggi)

“Abbiate la sensibilità di lasciarci fuori dai vostri giochini politici”

Commercianti e artigiani di Camaiore donano un mezzo all’Auser