FIRENZE. “La direzione nazionale del Partito della Rifondazione Comunista all’unanimità ha votato il commissariamento della federazione della Versilia e ha nomitato la sottoscritta commissaria”. Lo afferma la consigliera regionale Monica Sgherri, nominata commissario della federazione versiliese di Rifondaziona Comunista.

“Il commissariamento è un atto estremo che arriva quando si prende atto di ripetuti episodi che contrastano il buon andamento del partito, la sua immagine, il rapporto corretto tra i circoli, la manifesta volontà del suo gruppo dirigente di non adottare proposte organizzative tese a superare la conflittualità interna e riportare tutta la vita del partito nei corretti binari, e non ultimo una grave condizione finanziaria che non permette più al partito di far fronte ai propri impegni. Il commissariamento è la risposta all’incapacità dimostrata di affrontare i problemi e di dare la parola agli iscritti, tutti.

“A una vita interna di partito conflittuale e poco democratica si aggiunge una gestione proprietaria e poco chiara della vicenda legata all’amministrazione di Viareggio. Un’ambiguità di fondo finalizzata a non affrontare nelle sedi proprie del partito il tema del commissariamento – e delle sue cause – dell’amministrazione comunale a guida Pd, anche nell’ottica di affrontare la collocazione futura del partito. Era prevalsa all’esterno una soffocante subordinazione al Pd.

Foto Regione Toscana
Foto Regione Toscana

“In coerenza con la scadenza delle elezioni regionali che ha visto il partito regionale tutto impegnato a costruire una alleanza alternativa al Pd, solo una parte di Rifondazione Comunista ha lavorato in loco con tenacia alla costruzione di una coalizione regionale, e comunale che oggi vede Antonini candidato sindaco. Il commissariamento della Federazione della Versilia è finalizzato a ripristinare la vita democratica del partito e ha questo obiettivo sarà finalizzato il mio intervento.

“Ripristinare un terreno democratico per concentrare il partito tutto in questa campagna elettorale che viene a collocarsi in un contesto sociale provato, dove la crisi economica ha drammaticamente allargato la forbice sociale con conseguenze devastanti per un numero sempre crescente di famiglie sotto la soglia di povertà o a rischio di povertà. Anche in Toscana gli sfratti per morosità incolpevole e le case all’asta sono fra i drammatici segnali.

“Il Pd renziano si presenta con un programma elettorale incentrato sulle meravigliose sorti del Jobs Act e sullo smantellamento della sanità pubblica confinandola ai più poveri (con tanto di lista d’attesa) e spostando invece tutti gli altri sul privato sociale e privato tout court. Un partito che ritrova la sua utilità nella mobilitazione per difendere lo stato sociale e battere queste politiche liberaliste deve essere il nostro obiettivo L’intenzione come commissaria è di gestire questa fase con l’apporto dei segretari di circolo facendo riferimento a loro per le scelte di fondo e convocando costantemente l’assemblee degli iscritti.

“Certa che il rilancio del partito sia la nostra priorità a questo mi atterrò evitando ulteriori polemiche”.

(Visitato 130 volte, 1 visite oggi)
TAG:
commissariamento monica sgherri rifondazione comunista versilia

ultimo aggiornamento: 31-03-2015


“La Soprintendenza vigili su ‘Martini’, guai a stravolgere la Passeggiata”

“Il commissariamento di Rifondazione mette fine a un gruppo dirigente opportunista”