LUCCA. ReteVersilia va all’asta. Tutta, in blocco. La vicenda del fallimento dell’emittente televisiva, che per anni ha portato avanti la sua attività sotto l’egida della Misericordia di Viareggio del presidente Roberto Monciatti, arriva definitivamente all’epilogo dopo le note vicende finanziarie.

Dalle frequenze per la trasmissione del segnale ai ripetitori, da strumentazioni e veicoli a tre dipendenti: il 28 luglio prossimo avrà luogo l’asta fallimentare.

Le offerte di acquisto (si parte da una base di 230.000 euro) possono essere presentate in busta chiusa e sigillata alla Cancelleria fallimentare del Tribunale di Lucca – Via Galli Tassi, 61 entro le ore 12,00 del giorno 27/07/2015.

Qui sotto il testo dell’avviso

“LOTTO Unico – Intera azienda costituita da: – diritto d’uso della frequenza del canale 21 UHF per l’area di Lucca e della Versilia;

– autorizzazione per fornitore di media audiovisivi in ambito locale per la provincia di Lucca di programmi televisivi destinati alla diffusione in tecnica digitale su frequenze terrestri, identificati con i seguenti marchi: Canale 39 Lucca, Canale 39 Lucca Eventi, Canale 39 Lucca Plus, Canale 39 Lucca Rewind, Canale 39 Lucca News, Canale 39 Lucca Sport, Canale 39 Versilia Eventi, Canale 39 Versilia Plus, Canale 39 Versilia Rewind, Canale 39 Versilia News, Canale 39 Versilia Sport e Reteversilia, Reteversilia 2, Reteversilia 3, Reteversilia 4, Reteversilia 5 e Reteversilia 6;

– attribuzione della seguente numerazione automatica dei canali della televisione digitale terrestre (LCN): 74, 215, 216, 629, 630, 85, 213, 627; – beni mobili e mobili registrati (impianti, macchinari, attrezzature, autovetture) ivi inclusi i ripetitori della rete di distribuzione ed i ponti radio e più in generale tutti i cespiti funzionali all’esercizio dell’attività, descritti nell’inventario fallimentare agli atti del fascicolo della procedura e descritti nella perizia del professionista incaricato dalla curatela;

– i diritti di proprietà industriale e/o intellettuale costituenti immobilizzazioni immateriali, nomi commerciali ed i simboli, registrati o meno, oltre al know-how ed alle altre informazioni di carattere tecnico e commerciale relativi all’attività dell’azienda;

– i rapporti contrattuali in essere, ivi inclusi contratti di locazione, di c.d. ospitalità e di utenze relativi alle postazioni sulle quali sono stati installati gli apparati, oltre che i contratti attivi in essere per la fornitura di banda ai clienti;

– rapporto di lavoro subordinato in essere con n. 2 (due) dipendenti e n. 1 (uno) contratto di consulenza. Si precisa che i beni che compongono l’azienda, materiali ed immateriali ed i rapporti giuridici riferiti all’azienda saranno ceduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, escludendosi qualsivoglia responsabilità in capo alla procedura e con rinuncia ad ogni eccezione da parte dell’aggiudicatario.

Le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa e sigillata alla Cancelleria fallimentare del Tribunale di Lucca – Via Galli Tassi, 61 entro le ore 12,00 del giorno 27/07/2015.
Data asta : 28/07/15 ore 16:00
Prezzo base asta : 230.000,00
Rilancio Minimo : Euro 2.000,00”

(Visitato 317 volte, 1 visite oggi)
TAG:
asta fallimento rete versilia reteversilia roberto monciatti

ultimo aggiornamento: 19-07-2015


Incidente sulla variante, coinvolti quattro motociclisti

Materasso abbandonato in piazza D’Azeglio in pieno giorno