"Perché sulla riviera adriatica arrivano i rinforzi alla polizia e in Versilia no?" - Sindacati, Uil Versiliatoday.it

“Perché sulla riviera adriatica arrivano i rinforzi alla polizia e in Versilia no?”

FORTE DEI MARMI. “A nome della segreteria del sindacato di polizia Uil-federazione Lo Scudo faccio un plauso a tutti i colleghi che sabato mattina, seppur ai minimi termini come mezzi e risorse umane, hanno contribuito alla brillante operazione di polizia contro questi criminali che spadroneggiano sul nostro territorio infischiandosi delle leggi e soprattutto incuranti della vita altrui”. Lo scrive Luca Batori, sovrintendente della Polizia di Stato e membro della segreteria della federazione Lo Scudo di Forte dei Marmi.

“Nel momento del bisogno la grande famiglia della polizia si ricompatta e ottiene risultati forse piccoli, ma per noi significativi. Fortunatamente e miracolosamente si è solo sfiorata la tragedia come invece è accaduto il 27 maggio scorso a Roma. Di ciò tutti ne siamo lieti, fanno piacere i riconoscimenti tributati dalle persone comuni, nell’immediatezza del fatto o tramite social network e giornali.

“Farebbe piacere, però, ricevere dai responsabili del Ministero, oltre agli attestati di merito per la professionalità e abnegazione dimostrata, che tutto ciò fosse riconosciuto fornendoci mezzi più adeguati, maggior risorse umane e finanziarie. Questo al fine di permettere a noi operatori di polizia di diminuire il gap con chi delinque e far tornare la fiducia nei cittadini verso le istituzioni.

“Le istituzioni non aiutano certo le forze di polizia come dicono le cifre estive dal 2000 ad oggi: negli anni 2000-2006 nella provincia di Lucca per l’estate arrivavano rinforzi da metà giugno sino al 15 settembre – circa 30 unità più pattuglie a cavallo, squadra nautica con pilotine e moto d’acqua, unità cinofile con cani antidroga, oltre a cospicui rinforzi di uomini e mezzi a Carabinieri e Guardia di Finanza. Da anni i rinforzi arrivano il 6 luglio sino al 31 agosto e il personale è risicato.

“La criminalità aumenta e le forze di polizia diminuiscono. Ma non da tutte le parti: infatti, vorrei scendere nello specifico e mettere sotto l’occhio, dei cittadini della provincia di Lucca e turisti che amano questa terra, come ci sia disparità di trattamento molo strana tra Lucca e Rimini con qualche numero.

Provincia di Rimini: 330mila abitanti
Provincia di Lucca: 400mila abitanti

Presenze a Rimini in persone nel 2014: 15 milioni,
Presenze a Lucca: poco meno di 4 milioni.

Rapporto: 4/1 in favore di Rimini.

“È chiaro che tali flussi di persone si riverberano sulle dinamiche delittuose nel territorio, con l’incremento di reati che suscitano particolare allarme sociale – scippi, borseggi, rapine, furti, spaccio, prostituzione – e l’incremento dell’abusivismo commerciale sulle coste: in questo Rimini ci supera.

carabinieri“Sui rinforzi estivi emerge poi un altro dato: a Rimini ne arrivano 325 (85 poliziotti in Questura di Rimini e nei commissariati estivi, 15 di stradale, 10 di polizia ferroviaria, 155 carabinieri, 55 agenti di Guardia di Finanza e 5 della Guardia Forestale), a Lucca 25 (nessuno alla Questura di Lucca, al commissariato di Viareggio 12 agenti e 4 autopattuglie del reparto di prevenzione crimine di Firenze per un totale di 12 agenti, al commissariato di Forte dei Marmi 3 uomini e, infine, in tutta la Provincia 6 carabinieri e 4 finanzieri appena usciti dai rispettivi corsi. Il rapporto tra rinforzi estivi è di 13/1.

“Anche chi è acerbo di matematica sicuramente capirà che qualcosa non quadra: i rinforzi proporzionati ai turisti sono 3,25 volte in più sulla costa adriatica. A questo punto mi sorge un dubbio: ma i politici rappresentanti dei Comuni della provincia di Lucca delle stesse coalizioni politiche o non contano meno di quelli di Rimini o la popolazione della Versilia e della Lucchesia è di Serie B rispetto a Rimini?

“Le forze di polizia saranno sempre al fianco dei cittadini, anche in pochi – il commissariato di Forte dei Marmi `sotto organico da mesi, la stradale a Viareggio conta appena sei persone – e con mezzi impari – l’autostradale a Viareggio ha due sole autovetture sempre in strada che a fine mese percorrono 25mila chilometri – per prevenire e reprimere i reati.

“E se i sindaci, i parlamentari, i segretari di partito e i funzionari delle istituzioni si facessero una domanda su questi numeri e si dessero una risposta? E se la stessa domanda la ponessero ai loro interlocutori in Parlamento?”

(Visitato 135 volte, 1 visite oggi)

Aggiornato il: 03-08-2015 10:14