VIAREGGIO. Durante la tarda serata di ieri, in Viareggio, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, nel corso dei consueti servizi di controllo del territorio, hanno tratto in arresto in flagranza di reatoun marocchino, classe 1986, in Italia senza fissa dimora, nullafacente, pluripregiudicato, poiché ritenuto responsabile del reato di furto aggravato.

In particolare i militari operanti, a seguito di una richiesta pervenuta al numero di emergenza 112, intervenivano presso la chiesa “Resurrezione di Nostro Signore” ove i presenti riferivano che un soggetto, probabilmente extracomunitario, era fuggito dopo aver rubato 2 borse di proprietà di 2 ragazze minorenni che le avevano lasciate momentaneamente custodite in una stanza adibita per l’occasione a guardaroba. Ottenuta una sommaria descrizione, i militari iniziavano a setacciare la zona riuscendo dopo pochi minuti ad individuare una soggetto che indossava abiti simili a quelli descritti dai testimoni. Il personale operante allora decideva di controllare il cittadino marocchino che però alla vista dei Carabinieri tentava di fuggire a piedi ma lo stesso veniva immediatamente bloccato e condotto in caserma. Una volta perquisito lo straniero è stato trovato in possesso di una borsa da donna mentre dell’altra non c’era traccia. Allora i militari ritornavano nei pressi del luogo ove era stato sorpreso il cittadino straniero e proprio in tale zona veniva ritrovata la seconda borsa che il predetto aveva provato ad occultare dietro una siepe.
Venivano quindi contattate le legittime proprietarie che riconoscevano la refurtiva rientrandone immediatamente in possesso.

L’uomo, espletate le formalità di rito, è stato quindi trattenuto presso le camere di sicurezza della Stazione Carabinieri di Viareggio in attesa della celebrazione del rito direttissimo che avrà luogo nella mattinata odierna.

(Visitato 104 volte, 1 visite oggi)
TAG:
viareggio

ultimo aggiornamento: 26-08-2015


Beccato con un pezzo di hashish, patente ritirata

“Stop ai rumori assordanti dalla Cittadella”