CAMAIORE. “Sarà la più grande arena all’aperto di tutta la costa, da Genova a Livorno”. Lo afferma il sindaco di Camaiore, Alessandro Del Dotto, parlando di quella che ormai è una certezza: il rilancio, a partire dalla primavera 2016, di BussolaDomani.

Il primo cittadino cerca di mantenere il massimo riservo sull’operazione. Ma qualche giorno fa in molti l’hanno notato, in Passeggiata a Lido di Camaiore, mentre si intratteneva con Mimmo D’Alessandro, quello del Summer Festival di Lucca per intenderci. Così l’abbiamo contattato, cercando di ‘strappargli’ qualche dettaglio in più.

Da quel che trapela il Comune è al lavoro da mesi con la D’Alessandro & Galli, con l’obiettivo di portare sulla costa qualche evento di grande richiamo. “Saranno concerti – rivela il sindaco Del Dotto – da 20-30 mila spettatori, eventi a pagamento, con artisti sia nazionali che internazionali. Ma di più, in questa fase, non posso dire se non che sarà la più grande arena all’aperto di tutta la costa, da Genova a Livorno”.

Un’area concerti che – e questo è l’altro dato certo – non sarà ricavata costruendo alcun nuovo edificio. Si sfrutterà la conformazione naturale del luogo: aiuole, alberi, luci e prato. Sarà insomma un grande teatro naturale sulla costa.

Le prime date di questo rilancio di BussolaDomani si avranno probabilmente già in primavera, per poi proseguire durante l’estate. In divenire però anche altri progetti collaterali che potrebbero sorgersi e svilupparsi attorno a questo nuovo ‘tempio’ della musica. Il sindaco ha già avuto contatti con altri impresari per altri eventi, tra cui ad esempio quello di un grande cinema all’aperto. Un progetto a cui il sindaco crede molto e che sta curando personalmente, come già avvenuto per il festival Gaber. “Questo – dice, non nascondendo la soddisfazione – sarà solo l’inizio”.

Un’area concerti di questo tipo a Lido di Camaiore sarebbe senz’altro un’attrattiva per tutta la Versilia e non solo. Camaiore, e Lido in particolare, si conferma località viva, a differenza di altre località vicine che sembrano voler vivere sugli allori di tempi ormai andati e dimenticati, e che fanno le spese, anche dal punto di vista ricettivo, dell’immobilismo della politica da una parte e degli imprenditori dall’altra.

(Visitato 1.728 volte, 1 visite oggi)
TAG:
alessandro del dotto bussoladomani camaiore d'alessandro & galli

ultimo aggiornamento: 17-11-2015


Gli ex dipendenti della Pardini fuori dai cancelli della fabbrica

“Viareggio è contro ogni forma di terrorismo”