SERAVEZZA. Si apre domani domenica 7 febbraio alle ore 10 presso le Scuderie Granducali di Seravezza, “Privilege of life” di Giacomo Donati la prima mostra collaterale del programma di Seravezza Fotografia 2016. Donati è un giovane fotografo versiliese molto attivo con mostre, corsi e workshop, e in questa mostra con oltre 60 scatti presenta un suo servizio fotografico realizzato in India nella città  di Allahabad, che sorge proprio dove i fiumi sacri Gange e Yamuna si uniscono e che ogni dodici anni diventa scenario dell’evento religioso Indù capace di coinvolgere ed attirare qualcosa come cento milioni di pellegrini nell’arco di 55 giorni per prendere parte ad un grande evento religioso, il Maha Kumbh Mela. Sono ben venti i chilometri quadrati che vengono letteralmente invasi dalle tende che ospitano la moltitudine di gente che giunge con un unico importantissimo scopo, quello di bagnarsi nel Sangam, il nome che definisce il luogo esatto dove i due fiumi sacri confluiscono tra, per raggiungere la purificazione. Giacomo Donati ci racconta con la macchina fotografica tutto, usata in modo sapiente e discreto, la religiosità e il misticismo di questa parte delkl’India, ma non solo. Infatti il fotografo è riuscito anche a realizzare, cosa molto rara per un occidentale, degli scatti nel momento della cremazione dei defunti, cogliendo l’intimità, il dolore e i sentimenti dei familiari. “Il fiume sacro Gange – spiega Donati –  è dove ogni induista desidera affidare le proprie ceneri una volta terminato il ciclo vitale, successivamente alla cremazione, un rituale che viene compiuto esclusivamente dai familiari diretti coinvolti dal lutto, una cerimonia che è assolutamente vietato fotografare, si teme che l’anima del defunto non riesca a separarsi definitivamente dal corpo vedendone l’immagine. Sono rimasto affascinato dall’atteggiamento tutt’altro che passivo da parte degli induisti verso la morte. L’atto della cremazione – prosegue –  viene vissuto come una compartecipazione da parte dei familiari che allestiscono la pira, e successivamente ne curano la combustione. In questo modo salutano la conclusione di un ciclo senza lasciarsi sopraffare dall’amarezza e dalla tristezza, due sentimenti che vengono esorcizzati con l’antico atto del bruciare”.  La tredicesima edizione di Seravezza Fotografia diretta da Ivo Balderi, è organizzata dalla Fondazione Terre Medicee, dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Seravezza, con il patrocinio della Fiaf. La mostra “Privilege of life” di Giacomo Donati è aperta fino al 21 febbraio ad ingresso gratuito presso le Scuderie Granducali di Seravezza, Viale L. Amadei 230, dal giovedì al sabato ore 15 – 19, domenica e festivi dalle ore 10 alle 19, ingresso libero.

(Visitato 141 volte, 1 visite oggi)

L’inviata di guerra e gli studenti, incontro con Chiara Giannini alla Don Lazzeri Stagi

Rione Darsena, è qui la festa