VIAREGGIO. Questa mattina in consiglio comunale il gruppo misto, composto dagli ex consiglieri di maggioranza Stefano Pasquinucci e Luigi Troiso, dopo l’uscita dall’aula dei consiglieri di minoranza ha deciso di rimanere al proprio posto.

“Lo abbiamo fatto in osservanza ed ottemperanza al vincolo del mandato elettorale che ruota attorno al complesso compito che ci è stato affidato di contribuire ad affrontare e superare la drammatica situazione economica in cui versa la città di Viareggio”, scrivono i due. “Un ruolo complesso, reso ancor più difficile da un clima che certo non aiuta. La mancanza del confronto, infatti, al di là delle singole responsabilità e delle personali motivazioni e giustificazioni, non può che rappresentare una sconfitta per tutti ed un forte limite alla inderogabile ed insostituibile necessità di ricercare la più ampia e costruttiva partecipazione possibile.

“La ‘non discussione’, il ‘non confronto’ su temi così importanti quali sono la sicurezza, la progettualità, il decoro, la rappresentanza locale, la tutela delle associazioni del territorio, il progetto di un impianto di cremazione a Torre del Lago ed il Festival Pucciniano, rappresentano una battuta di arresto rispetto all’accidentato percorso che tutti noi Consiglieri abbiano consapevolmente iniziato quasi un anno fa.

“Per questi motivi abbiamo chiesto di sospendere la seduta di consiglio comunale e, dopo avere ricevuto una unanime risposta negativa, di astenerci su tutte le mozioni portate in votazione. Lo abbiamo fatto con dispiacere e delusione, ma soprattutto, con la speranza che tale situazione possa al più presto essere risolta”.

(Visitato 207 volte, 1 visite oggi)

“Consiglieri di minoranza come bambini”

Socialisti lucchesi a congresso a Viareggio