I lavoratori dell’Henraux, riuniti in assemblea in data odierna (lunedì 10 ottobre), hanno deciso che “l’atteggiamento aggressivo e maleducato avuto dal presidente e amministratore delegato della società Paolo Carli, tenuto con diversi lavoratori in più reparti nella giornata di giovedì e venerdì scorso, è inaccettabile”. Lo rende noto Leonardo Quadrelli per conto delle organizzazioni sindacali Fillea-Cgil e Feneal-Uil.

“Secondo l’assemblea ogni confronto può e deve svolgersi secondo le regole delle relazioni sindacali e soprattutto umane corrette. Nessuno – e tantomeno nessun presidente o amministratore delegato che dovrebbe dare l’esempio – può permettersi di urlare in faccia ai lavoratori come nel Medio Evo, minacciando licenziamenti o qualsiasi altra cosa in quel modo o in quella maniera di fronte ad altri colleghi esterefatti.

“I lavoratori si sentono lesi nella loro dignità e per questo indicono uno sciopero di due ore per domani 11 ottobre 2016: il primo turno effettuerà lo sciopero le ultime due ore. I lavoratori a giornata e del secondo turno faranno lo sciopero dalle ore 14 alle ore 16.

“L’assemblea decide infine di effettuare un presidio davanti ai cancelli dello stabilimento dalle ore 14 alle ore 16 invita le amministrazioni di Seravezza e Stazzema, spesso presenti quanto invita il presidente, a venire a trovarci sui cancelli per informarsi direttamente su quanto accaduto”.

(Visitato 958 volte, 1 visite oggi)
TAG:
henraux querceta sciopero

ultimo aggiornamento: 10-10-2016


Appalti per la pulizia delle scuole, a rischio in 200

Gravi carenze per la centrale 118: “Manca tutto”