Infarto e impotenza possono avere la stessa cura. L’affezionato lettore di DA UOMO A UOMO già lo sa: il pene non è un muscolo ma un “sacchetto” (più o meno voluminoso…) che riempendosi di sangue sì… GONFIA! È pertanto assolutamente comprensibile come l’erezione sia un meccanismo prevalentemente vascolare e, di conseguenza, come le “defaillance” finiscano spesso per esser ricondotte a “inghippi” altrettanto vascolari.

Non stupisce più di tanto, pertanto, come un recente Studio medio-orientale, pubblicato sulla autorevole rivista scientifica “International Journal of Impotence Research”, abbia confermato come molti uomini affetti da disfunzione erettile presentino anche un certo numero di fattori di rischio per coronaropatie cardiache.

La correlazione è nota da tempo ma questa Ricerca ha dimostrato come anche in assenza di lesioni arteriosclerotiche e patologie cardiache note, questi pazienti con accertato deficit erettile presentino a livello subclinico (non evidente ai normali controlli) patologie vascolari sistemiche ed un deterioramento della funzionalità del ventricolo (una delle quattro camere di cui è composto il nostro cuore) cardiaco sinistro.

Infarto e impotenza possono essere curati con gli stessi farmaci

Infarto e impotenza. Non è finita qui! Lo Studio ha rilevato come la somministrazione di inibitori degli inibitori delle fosfodiesterasi (le “mitiche” pilloline dell’amore per aiutar il… maschietto in affanno) migliorasse non solo la virilità in affanno ma anche la situazione dei vasi sanguigni di tutto il corpo e i problemi di funzionalità cardiaca sopra ricordati.

In particolare tra tutti gli inibitori delle fosfodiesterasi era stato testato il tadalafil (molto più noto come CIALIS!).

Altro che danneggiare il cuore… le pasticchine dell’amore lo proteggono!

I Ricercatori hanno osservato come la somministrazione di tadalafil avesse effetti positivi immediati sia sulla rigidità arteriosa (e d’altronde le pasticchine dell’amore hanno proprio il compito di allargare i vasi sanguigni) che sulla funzionalità (per l’esattezza diastolica, riguardante, cioè, il suo riempimento) del ventricolo cardiaco sinistro.

Tutto questo fa ipotizzare come, in futuro, potrebbe essere possibile fare uso degli inibitori della fosfodiesterasi-5 (Cialis, Viagra, Spedra, Levitra, ecc) per migliorare la funzionalità dei vasi sanguigni non soltanto, come oggi, nei pazienti con disfunzione erettile, ma anche nei pazienti con malattie cardiovascolari.

In ogni caso, al di questa interessante e, perché no, stuzzicante notizia (e comunque prudenza: prima di prender un “Viagrino” sentite SEMPRE il medico!), quanto riscontrato ci deve ricordare come i maschietti con disfunzione erettile probabilmente siano portatori anche una disfunzione vascolare diffusa, e che, pertanto, dovrebbero essere considerati come potenzialmente ad alto rischio di una varietà di problemi cardiovascolari.

COME DIR: SE “NON TI FUNZIONA” DOPO L’ANDROLOGO, L’UROLOGO SARÀ BENE CHE TU FACCIA UN SALTO ANCHE DAL… CARDIOLOGO!

 

L’ AFORISMA (romanticone…) DEL GIORNO: “Tutto quello che voglio è raggiungere e toccare un altro essere umano, non solo con le mani ed il corpo, ma anche con il cuore”. Tahereh Mafi – scrittrice statunitense

(Visitato 505 volte, 1 visite oggi)
TAG:
da uomo a uomo infarto e impotenza luca lunardini

ultimo aggiornamento: 13-02-2017


Tramonto, Marina

“200km di tubi d’amianto tra Massa e Versilia”