È morta affogata nelle acque del laghetto dei cigni la pavona che tante polemiche aveva sollevato fin dal suo arrivo nella Pineta di Ponente di Viareggio lo scorso aprile. Un triste epilogo, forse già annunciato, per l’uccello dalle coloratissime piume che solo un mese fa aveva già rischiato di annegare ed  era stata salvata grazie al pronto intervento dei passanti.

La scelta dell’assessore Sandra Mei e dell’amministrazione comunale di popolare il laghetto con due esemplari di pavone era finita da subito nell’occhio del ciclone. Associazioni animaliste e cittadini hanno da sempre contestato la decisione di far convivere gli uccelli dal piumaggio sgargiante con i cigni, due specie completamente diverse con differenti esigenze alimentari e tra le quali sarebbero potuti nascere dei conflitti. Inoltre i pavoni, per la conformazione delle loro zampe non palmate,  non sono animali adatti alla vita lacustre e possono scappare facilmente, oltrepassando la recinzione del laghetto così come era successo nei giorni scorsi all’esemplare maschio, ritrovato in mezzo alla strada dietro l’ex ospedale Tabarracci.

(Visitato 3.395 volte, 1 visite oggi)

Lascia un commento