Incidente in Darsena, concessi i domiciliari al pirata della strada

Anthony Caturano, il pirata della strada che nella notte tra sabato e domenica ha travolto in Darsena due giovani (uno dei quali è deceduto, mentre l’altro si trova in ospedale), è uscito dal carcere.

Il Gip Giuseppe Pezzuti ha accolto la richiesta dell’avvocato Fabrizio Miracolo e concedendo al ragazzo, accusato di omicidio stradale, gli arresti domiciliari presso la sua abitazione a Torre del Lago.

Intanto è stata confermata l’iscrizione nel registro degli indagati, per omissione di soccorso, dei tre giovani che erano a bordo dell’auto con il 25enne mentre, al momento, la procura non avrebbe preso provvedimenti nei confronti della madre. La donna era andata a prendere il figlio dopo che questi aveva abbandonato l’auto poco lontano dall’incidente e le aveva telefonato. L’avvocato Miracolo ha inviato una lettera alla professoressa Liliana Dell’Osso, direttore della clinica psichiatrica dell’Università di Pisa, per chiederle di seguire il giovane per eventuali terapie e per un sostegno psicologico.
Sono stati fissati per domani, mercoledì 7 alle 15.30, i funerali di Andrea Lucchesi, il 21enne deceduto poco dopo il suo arrivo all’ospedale: si terranno nella chiesa di San Macario in Piano, alla periferia di Lucca.

Aggiornato il: 06-02-2018 17:40