Le scuole dell’Infanzia del Comune di Stazzema  e le classi Prima e Seconda della Scuola Primaria dell’Istituto Comprensivo Martiri di Sant’Anna hanno aderito  al progetto di educazione ambientale coordinato da Ersu che verte sulla pubblicazione “I furbi siamo noi” che contrasta l’idea del furbetto di paese che getta i rifiuti in maniera errata  a favore delle filosofia della giusta differenziazione dei rifiuti che può portare enormi vantaggi in termini ambientali. L’obiettivo generale di tale progetto si attua attraverso la lettura e la teatralizzazione del libro, nonché per mezzo della personificazione dei vari protagonisti da parte dei bambini stessi, che sono chiamati a distinguere i materiali prima di buttarli, che diventano consapevoli che ogni materiale è prezioso perché si può riutilizzare, che ogni rifiuto va conferito nel giusto contenitore, che la carta, il vetro e la plastica si riciclano per creare nuovi prodotti, che gli avanzi del cibo si trasformano in concime per le piante e che, se tutti collaboriamo, vivremo in un mondo più sano e pulito. La compagnia teatrale “Coquelicot Teatro” rappresenterà la storia, proposta dal libretto, in ogni classe della Scuola dell’Infanzia e nelle prime due classi della Scuola Primaria, animando i protagonisti e coinvolgendo i bambini in giochi che aiutano con allegria a memorizzare le regole per fare una corretta Raccolta Differenziata. Il Professor Ersu e Pellicano, con l’aiuto di Michi e Tobi, rimettono le cose a posto e danno al Furbetto una bella lezione. Questa la sintesi del libricino che sarà distribuito ai bambini che partecipano al progetto che sarà corredato da laboratori teatrali che aiuteranno a scoprire giocando i vantaggi di differenziare e contrastare i furbetti che danneggiano poi tutta la comunità.

“Combattiamo con questo progetto la filosofia di fondo che è da “furbi” comportarsi fuori dalle regole”, commenta il Presidente del Consiglio Comunale e delegato ad Ambiente e Pubblica Istruzione Alessio Tovani, “e che è conveniente per l’ambiente e anche per i costi del servizio che tutti svolgano al meglio la differenziata. Da anni lavoriamo con i ragazzi perché poi loro portano a casa queste buone pratiche imparate divertendosi. E’ un gioco, ma che ha una finalità educativa e quindi, ha un valore doppio per noi e nella capacità di entrare nelle pratiche di quelli che saranno i cittadini di domani. Ringrazio Ersu per questo progetto e le nostre maestre ed insegnanti che come sempre sono disponibili ad accogliere questi progetti su cui noi lavoriamo da anni”.

 

(Visitato 83 volte, 1 visite oggi)
TAG:
ambiente comune di stazzema educazione ambientale Ersu

ultimo aggiornamento: 10-02-2018


Piani di Bacino, pronta la sintesi del processo partecipativo

Posticipata la chiusura del Luna Park in Piazza Leone Tommasi