LA UIL Area Nord Toscana, Lucca e Massa Carrara, cresce ed esce rafforzata negli impegni e nei numeri dal secondo Congresso che si è svolto venerdì al Palazzo Mediceo di Seravezza. L’assemblea ha eletto Franco Borghini nel ruolo di segretario generale della Uil Area Nord Toscana: una giusta conferma al termine di 4 anni di mandato che hanno visto il sindacato essere sempre più presente sul territorio, a fianco dei lavoratori nelle vertenze e nelle battaglie per la difesa dei diritti e dell’occupazione. Oltre a Franco Borghini, la nuova segreteria è così composta: Francesco Fulignani, Moreno Guelfi, Simone Marsili e Giacomo Saisi. Il secondo congresso ha poi approvato un documento finale che parte proprio dalla relazione del segretario Borghini: “In questi 4 anni la Uil  Nord Toscana che copre le province di Lucca e Massa Carrara è cresciuta sul territorio di circa 2000 iscritti un po’ in tutte le categorie con particolare riferimento alla Uilcom, settore cartario della piana di Lucca, dove non eravamo presenti e oggi abbiamo rappresentanti sindacali (Rsu) nelle più importanti aziende del settore. Oltre 400 nuovi iscritti anche nella Uiltucs per il commercio, e tantissime nuove adesioni anche alla scuola, alla Feneal, marmo ed edili, Uilm, mettalmeccanici, e alla Uilp per i pensionati”. Dal dibattito congressuale è emersa grande soddisfazione per i risultati ottenuti dalla Uil Area Nord Toscana: “Una organizzazione che è cresciuta e si è rafforzata in molti ambiti produttivi, a significare una reale vicinanza al mondo del lavoro e ai suoi problemi. Consapevoli di questi risultati – si legge nel documento dell’assemblea – si chiede a tutti i dirigenti sindacali Uil un forte impegno e una forte mobilitazione in vista della elezione delle Rsu del pubblico impiego (scuola, sanità, enti locali, pubblica amministrazione) dal 17 al 19 aprile, con una particolare attenzione all’Asl Nord Ovest, la più grande azienda del territorio con oltre 10.000 lavoratori, appuntamento al quale la Uil si presenta con liste qualificate e fortemente rinnovate”. Serve un sindacato forte e concreto, presente sul territorio, per affrontare sfide sempre più difficili: “Emerge un quadro della situazione italiana e del nostro territorio che mette in drammatica evidenza come i danni provocati da una lunga e pesante crisi sono ancora lontani dall’essere superati e ci hanno consegnato un tessuto economico e sociale fragile e frammentato. Di queste difficoltà è fedele testimone il risultato delle recenti elezioni politiche che ci consegnano un quadro di difficilissima composizione. La Uil ha già predisposto un documento da presentare al futuro governo, un documento predisposto prima del voto di domenica, nel quale sono state indicate con chiarezza le priorità per chi rappresentiamo: i lavoratori, i pensionati, i giovani in cerca di lavoro. La nostra prima rivendicazione riguarda la riforma fiscale che deve ridistribuire la ricchezza, riducendo il peso della tassazione su lavoro e pensioni, unica strada per generare una crescita dell’economia di carattere strutturale”. Partendo da queste premesse l’assemblea congressuale chiede al sindacato “di continuare con perseveranza la sua azione per modificare la legge Fornero individuando nuovi e più oggettivi criteri per modulare l’età pensionabile che tengano conto delle differenti tipologie e condizioni di lavoro e delle reali aspettative di vita. Bisogna  porre tutta la necessaria attenzione sugli ammortizzatori sociali, strumento indispensabile economicamente e socialmente nell’attuale scenario italiano e ancor più fondamentale nel territorio di Lucca e Massa Carrara. Nel nostro territorio la crisi, oltre ad avere duramente colpito tutti gli ambiti produttivi (industria, commercio, terziario, turismo) continua a perdurare in modo drammatico non facendo intravedere segnali di ripresa”.

(Visitato 36 volte, 1 visite oggi)