Continua senza sosta l’attività di controllo del territorio e di contrasto ai fenomeni delittuosi da parte del Commissariato di Polizia di Viareggio. Tale attività, in particolar modo mirata a combattere i fenomeni dello spaccio di sostanze stupefacenti ed i reati contro il patrimonio, si realizza con il contributo sinergico di personale diversi uffici del Commissariato: volanti, polizia giudiziaria, polizia amministrativa e ufficio immigrazione, nonché con l’importante contributo dei Reparti prevenzione Crimine della Polizia di Stato.

Tale concentramento di forze ha permesso, così di raggiungere nei giorni scorsi importanti risultati.

Grazie a mirati controlli nei luoghi di maggiore aggregazione di cittadini extracomunitari dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti, il personale di polizia ha individuato dei cittadini nordafricani, tutti clandestini e con numerosi pregiudizi penali e di polizia.

Tre di questi, stante la loro irregolare permanenza sul territorio nazionale, sono stati accompagnati presso il CPR di Torino, ove permarranno in attesa di essere rimpatriati nei paesi di origine.

Tra di essi c’è anche Hassan Rami, fratello di Mustapha, l’uomo che nei giorni scorsi è stato sottoposto a fermo per l’aggressione all’agente di polizia nella pineta di ponente a Viareggio del 6 febbraio scorso e che attualmente si trova in custodia presso la Casa Circondariale di Lucca.

Un tunisino classe 1972, già noto a questi Uffici per numerosi pregiudizi penali, è invece stato sottoposto alla misura della detenzione domiciliare in attuazione di ordinanza emessa dal Tribunale di Sorveglianza di Firenze.

Altro cittadino straniero, questa volta un polacco classe 1986, è stato sottoposto alla misura della custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Lucca a seguito di attività investigativa conclusa da personale del Commissariato di Viareggio, che ha permesso di attribuire all’uomo una serie di furti commessi nei mesi scorsi in diversi supermercati di Viareggio.

Si aggiunge, infine, che tale mirata attività di prevenzione sempre congiuntamente al personale del Reparto Prevenzione Crimine di Firenze e che proseguirà anche nelle prossime settimane, anche al fine di garantire il regolare svolgimento delle manifestazioni carnevalesche, ha permesso di controllare complessivamente 50 cittadini tra cui 30 stranieri, oltre 20 veicoli e diversi esercizi commerciali ubicati in varie zone della città.

(Visitato 3.055 volte, 1 visite oggi)