Non sono passate inosservate ai finanzieri della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Porto Santo Stefano le numerose imbarcazioni e le attrezzature per rimessaggio nautico ammassate a “Porto Romano di Maestrale” nel complesso monumentale di “Villa Domizia”, i quali, in collaborazione con la Soprintendenza dei Beni Culturali di Firenze, hanno stabilito che l’area in questione è tutelata da vincolo paesaggistico ed archeologico.

Le indagini hanno permesso di individuare due responsabili, segnalati all’Autorità Giudiziaria in violazione del “Codice dei beni Culturali e del Paesaggio”, per l’uso dell’area incompatibile con il carattere storico ed artistico del luogo, pregiudizievole per la conservazione dei presenti reperti di origine romana tutelati con decreto ministeriale del 14/12/1959.

Lo sviluppo investigativo, coordinato dalla Procura competente, conduceva al sequestro preventivo dell’intera area.

La sorveglianza del litorale e delle acque marine dell’Arcipelago Toscano con l’impiego dei mezzi aerei e navali del dispositivo Aeronavale regionale della Guardia di Finanza, consente una costante e capillare azione di controllo economico del territorio e il concorso nelle attività di prevenzione e repressione degli illeciti in materia ambientale e demaniale e dei beni culturali e del paesaggio.

 

(Visitato 213 volte, 1 visite oggi)
TAG:
giannutri roan sequestro

ultimo aggiornamento: 19-06-2019


Nigeriano aggredisce gli agenti in Stazione e li morde: arrestato

Droga a fiumi dall’Albania, sgominata la banda