Operazione della GdF a Pietrasanta, Mallegni: “La Piccola Atene non è la città degli evasori”

“Pietrasanta non è città degli evasori e non è certo la città della caccia alle streghe”: così Massimo Mallegni, senatore di Forza Italia e tre volte sindaco di Pietrasanta commenta l’operazione “Michelangelo” da parte della guardia di finanza.

“Plaudo all’operato della Guardia di Finanza. Chi opera sul territorio nazionale è tenuto a pagare le tasse. E’ un principio inequivocabile che tutti coloro quali operano in Italia devono aver chiaro. Compreso gli italiani. Pietrasanta – ribadisce – non è città degli evasori e non è certo la città della caccia alle streghe. Gli artisti che hanno reso questa città importante grazie alla mastria dei nostri artigiani sono da sempre i benvenuti”.

Mallegni prosegue: “L’Italia è un paese accogliente e come tutti gli altri paesi del mondo è un luogo dove ci sono regole e devono essere rispettate. I nostri artigiani sono una eccellenza riconosciuta a livello internazionale ed anche in questa occasione hanno dimostrato il rispetto assoluto della legislazione fiscale che io ritengo iniqua e controllo lo sviluppo. Il Governo ha un’occasione nella prossima finanziare di approvare il ddl che ho presentato a mia prima firma con tutto il gruppo di Forza Italia iun ambito culturale, artigianato ed artistico che investire in arte è vantaggioso. Dobbiamo sgravare gli artigiani, partendo dalla loro peculiarità, di una pressione fiscale senza senso e consentire a chi acquista arte di poter dedurre dal suo reddito tale importo. Siamo la nazione della cultura e deteniamo ¾ del patrimonio artistico mondiale ed abbiamo una legislazione fiscale contro lo sviluppo artigianale, l’arte e la riqualificazione artistica dei nostri terrutori. Pietrasanta – conclude Mallegni – è città degli onesti, aperta agli artisti ed un grazie ai nostri artigiani che ci consentono di essere città leader a livello internazionale nella lavorazione del marmo e del bronzo”.

Aggiornato il: 27-07-2019 9:27