“Non so niente. E nulla posso riferire alla magistratura che indaga”. La compagna di Vittorio Baruffo, trovato morto, fatto a pezzi, in un bosco della Francia, smentisce la notizia di poter dare agli inquirenti informazioni utili per ricostruire quanto accaduto. “Sono tornata in Italia  il 3 giugno – spiega a Versilia Today – , oltre un mese prima che Vittorio sparisse”. L’uomo, infatti, è scomparso il 9 luglio e della sua scomparsa si era occupato anche il programma di Rai 3 “Chi l’ha visto?”, fino alla macabra scoperta di pochi giorni fa. Sull’omicidio stanno indagando sia la Procura francese che quella italiana, e la famiglia si è affidata all’avvocato Umberto Prisco di Viareggio.  “Sono estranea alla vicenda, conclude la compagna: mi auguro comunque, come tutti, che sia fatta chiarezza su quanto accaduto “.

(Visitato 1.780 volte, 1 visite oggi)
TAG:
avvocato umberto prisco francia omicidio vittorio baruffo

ultimo aggiornamento: 27-09-2019


Maxi-sequestro di prodotti contraffatti, 33 persone denunciate dalla GdF di Viareggio

Ex Salov, firmata l’ordinanza: Del Ghingaro impone la bonifica dell’edificio