“Ho apprezzato le parole del ministro Boccia, che ritiene possibile la definizione di una cornice per avviare riaperture differenziate attraverso linee guida di riferimento per i provvedimenti regionali. La Regione Toscana, rispettando sostanzialmente gli indirizzi del governo, ha in molti casi adottato misure anche più prudenziali, pur avendo un quadro epidemiologico nettamente migliore rispetto ad altre Regioni e alle medie nazionali. Sono convinto che le riaperture dovranno essere graduali e organizzate al fine di impedire concentrazioni di persone e assembramenti e per consentire ai cittadini e agli operatori economici di abituarsi con gradualità, come già sta avvenendo, a misure appropriate nei comportamenti, nel distanziamento e nella protezione individuale. Oggi pomeriggio, nel confronto con il governo, mi batterò perché la Toscana sia trattata come merita e sia riaperto in sicurezza il più largo numero possibile di attività”.

Lo dichiara il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi.

(Visitato 492 volte, 1 visite oggi)
TAG:
enrico rossi fase 2 ministro boccia Toscana

ultimo aggiornamento: 11-05-2020


Silvia Romano libera, Marco Remaschi: “Una notizia che probabilmente oggi, in questa situazione così drammatica, ci sembra ancora più forte e commovente”

Test sierologici, Montemagni: “Ingiusto escludere le guardie giurate e gli addetti all’antitaccheggio”