Sono entrati uno per volta, alcuni con qualche costume di scena di spettacoli passati, tutti quanti rispettando con scrupolo le procedure Covid. Per molti era la prima volta che rientravano in un teatro, dopo il Covid, dopo che Davide Moretti, a cui ieri è stata intitolata la platea del teatro Jenco in sinergia con l’amministrazione comunale, ci ha lasciato.

Si sono seduti ai posti assegnati con grande capacità organizzativa di Ilaria Lonigro e di tutti i volontari di Teatro Rumore, un pubblico composto, nell’entusiasmo e nelle tristezza, esemplare, soprattutto di questi tempi.

Per chi bazzica nelle scuole e nel mondo dei ragazzi, è facile riconoscere le loro facce. Li ho visti dietro le mascherine tutti cresciuti, fisicamente e nello sguardo.

La targa dell’intitolazione è posta a sinistra rispetto al palco, in alto “Al tuo rumore, platea Davide Moretti, maestro, autore, regista. Napoli 1977-Viareggio 1920”. Sotto un codice qr rimanda alla galleria di disegni e lettere per Davide.

Poco prima di iniziare una ragazza nella fila dietro di me ha detto, raccontando a un’amica: “Ti ricordi, il 20 maggio? Sembrava che finalmente dessero il via all’estate. Ecco vorrei tornare a quella data lì, a quando ancora Davide c’era”.

Sembra passato un secolo. Si chiude il sipario, la festa spettacolo sta per iniziare. Dalla platea si sente il motto dei ragazzi “Chi siamo noi? Rumore…” e dalla platea dei giovani corre un brivido di commozione. Ilaria Lonigro, compagna di Davide e responsabile di Teatro Rumore, dà il via all’evento. Sul palco si alternano piccoli sketch riadattati per l’occasione di alcuni dei centosessanta allievi di Davide e Ilaria. Con loro interventi significativi, in primis quello di Sandra Mei, assessore alla cultura del Comune di Viareggio, con un discorso commemorativo di riconoscenza a Davide colmo di stima e affetto, tanto da mettersi poi in gioco con i ragazzi sul palco. Le dottoresse di Cisanello che hanno seguito Davide nel decorso della malattia, una mamma di Teatro Rumore e un allievo, Alessio Bartelloni che ha cercato di spiegare il teatro di Davide. Proprio nelle sue parole emerge tutto il senso dell’attività artistica e umana di Davide: la valorizzazione di ogni allievo per la propria unicità, la preminenza dello spettacolo sul copione, i copioni cuciti appositamente per i ragazzi. E ancora il ruolo della musica negli spettacoli, la scelta coraggiosa di certe sceneggiature senza prendere scorciatoie, l’insegnamento oltre le quattro mura del teatro. Parola dopo parola, musica dopo musica, lo splendido collage dell’essenza di Davide si è sentita dirompente in tutto il teatro. E nel finale, lasciato alla bella musica degli Esterina, le cui canzoni hanno spesso accompagnato gli spettacoli di Teatro Rumore, una dedica per Davide e i suoi cari da una canzone forte e antica che ha commosso tutti gli spettatori “Il partigiano, quando poi ferito cade non piangetelo dentro al cuore, perchè se libero un uomo muore che cosa importa di morir.”

La festa è proseguita fuori, dove dinanzi al teatro e ai colorati palloncini allestiti per l’occasione, è stata messa a dimora una tamerice, pianta poetica evocativa della Versilia, voluta dalle famiglie di teatro Rumore con una dedica di Ilaria“C’ è sempre un’esplosione di colori. Se non la vedi ora è perché sta arrivando”.

La serata è proseguita con la proiezione dello spettacolo “32, a beautiful thing”, messo in scena nel 2019 per il decennale dalla strage di Viareggio, nella festa dell’associazione “Assemblea 29 giugno” con “Il mondo che vorrei ONLUS” e in cui, rivedendolo a distanza di un anno, si percepisce ancora di più l’impronta umana e civile che Davide ci ha voluto lasciare.

Un giorno intenso dedicato alla memoria, al ricordo, alla riconoscenza, ma anche al futuro: a ottobre Teatro Rumore con la sua Ilaria Lonigro tornerà, per tutti gli allievi e per tutta la cittadinanza che ha bisogno di realtà così meravigliose.

Erika Pucci

(foto Juri Versari)

Link utili

Biografia Davide Moretti

Spiegare Davide Moretti (a cura di Alessio Bartelloni)

http://www.teatrorumore.com/wp-content/uploads/2020/08/Spiegare-Davide-Moretti.pdf

Dediche per Davide

http://www.teatrorumore.com/wp-content/uploads/2020/08/dediche-parte-seconda.pdf

La messa a dimora della tamerice per Davide Moretti con Ilaria Lonigro e l’assessore Sandra Mei
(Visitato 530 volte, 1 visite oggi)
TAG:
Davide Moretti

ultimo aggiornamento: 23-08-2020


Scuola e Coronavirus, il sindaco Giorgio Del Ghingaro incontra i dirigenti e scrive all’Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana

La GdF chiude una palestra abusiva a Viareggio