“Siamo soddisfatti che nel discorso di insediamento del sindaco Giorgio Del Ghingaro ci siano argomenti come l’asse di penetrazione, al primo posto, i parcheggi e le piste ciclabili. Tutte questioni che avevamo inserito nel nostro documento “Viareggio Ventiventicinque” che gli imprenditori di Confesercenti Versilia avevano presentato a tutti i candidati sindaco”. Questo il primo commento della presidente di Confesercenti Versilia Esmeralda Giampaoli dopo il consiglio comunale che ha aperto la nuova legislatura. “Ci sono temi che, ancor più in questa fase di pesante incertezza dovuta ad una pandemia che non allenta la propria morsa, diventano fondamentali per il rilancio dell’economia cittadina – dice ancora la presidente -. Le infrastrutture innanzitutto per rendere Viareggio una città moderna. Infrastrutture che ad esempio facilitino i collegamenti dei quartieri periferici con il centro ma anche la stazione alla Marina di Levante per fare un esempio specifico. Importante anche il riferimento del sindaco sulla tassa dei rifiuti per la quale abbiamo sempre chiesto il passaggio alla tariffa puntale che faccia quindi pagare la reale produzione”. Giampaoli ribadisce poi la questione del dialogo con le categorie che Confesercenti Versilia aveva messo al primo punto del suo documento. “Ci auguriamo che le categorie economiche e commerciali possano essere parte integrante del progetto della giunta Del Ghingaro ovviamente nel rispetto ognuno dei rispettivi ruoli. Proprio perché la campagna elettorale è finita, occorre lavorare su cose concrete attraverso un dialogo che l’assessore Alessandro Meciani nel suo primo incontro ha voluto ribadire come metodo operativo. Nella nostra associazione – conclude Esmeralda Giampaoli – il sindaco e la giunta troveranno sempre un interlocutore qualificato e rappresentativo delle realtà economiche cittadine e quindi aperto al confronto e al dialogo e non un soggetto da ammaliare”.

(Visitato 192 volte, 1 visite oggi)

Covid e chiusura anticipata bar: la posizione di Confesercenti

Primo giorno di stop per bar e ristoranti e primi problemi di interpretazione del Dpcm