“Se non facciamo noi qualcosa, chi lo farà per noi?”

“Come fiori che rompono l’asfalto” è una raccolta di venti racconti ideati e scritti da Riccardo Gazzaniga. L’autore genovese ci dona venti racconti di coraggio tratti dalla storia più recente seguendo l’esempio della precedente opera, “Abbiamo toccato le stelle” che raccoglieva scelte audaci e esemplari di alcuni personaggi sportivi, un vero caso editoriale molto apprezzato anche nelle scuole.

Numerosi sono i personaggi che attraverso la loro esistenza invitano al coraggio e alla resistenza in contesti spesso molto lontani e differenti, ma il cui comune denominatore è la capacità di opporsi ai soprusi e alle ingiustizie sociali e politiche. Così nella narrazione di Gazzaniga troviamo un sindacalista, un presidente partigiano, una giovane ragazza che ha cambiato la legge sulla violenza sessuale. Sono le storie di Sandro Pertini, Franca Viola,i fratelli Scholl, Guido Rossa, Anna Politkovskaja, e di molti altri, storie uniche ed esemplari per far conoscere, esplorare, spronare gli animi in un’epoca delicata e complessa come quella che stiamo vivendo.

Ciò che colpisce sono diversi elementi. Innanzitutto l’eterogenea scelta dei personaggi così diversi per contesto storico, sociale, geografico. Ognuno con le proprie scelte spesso scomode controcorrente e assolute, si fa voce vivente di un diritto da affermare. Nelle loro esperienza vediamo scorrere tutta la complessità del secolo scorso e del nuovo millennio: la durezza dei regimi totalitaristi, le dittature, i diritti delle donne, dei diversi, dei gay. L’altro elemento che sicuramente colpisce è la scelta narrativa messa in atto da Gazzaniga. Al consueto e curatissimo approfondimento bibliografico su cui articola le sue storie, Riccardo ha saputo dare ai racconti uno stile fresco, scorrevole, a tratti quasi colloquiale, capace quindi di coinvolgere anche il pubblico più giovane senza perdere lo stile letterario del racconto. Le storie di Gazzaniga investigano il passato, ma pongono anche domande pungenti sul futuro. Soprattutto in apertura di ogni singola storia, l’autore cerca di coinvolgere in modo empatico il lettore con interrogativi aneddoti tratti dalla contemporaneità. Questa continua ricerca del rapporto con il lettore attraverso la voce narrante è qualcosa di profondo e ben riuscito, per cui la materia narrata diviene una cosa sola con lo stile della scrittura.

Le venti storie che compongono l’opera si prestano bene per un pubblico anche molto giovane, dai dieci anni in su e anche per un approfondimento scolastico dell’opera, visti i numerosi riferimenti letterari, storici e scientifici che animano la lettura, soprattutto in un anno particolare in cui l’educazione civica viene riproposta in un ruolo di primo piano.

Un libro capace di far mettere in discussione idee, conoscenze e stereotipi, arginare la paura che varca i confini dell’età e che risulta essere di grande interesse e incoraggiamento ad ogni età. L’opera è arricchita dalle illustrazioni suggestive e esplicative di Piero Marcola, i cui lavori grafici già avevano arricchito con una autentica sinergia scrittura-immagini “Abbiamo toccato le stelle”.

“Chi cammina talvolta cade. Solo chi sta seduto non cade mai”. (S. Pertini)

Erika Pucci

@erykaluna

Si ringrazia la libreria “Lettera 22” (Viareggio)per la gentile e preziosa collaborazione.

(Visitato 146 volte, 2 visite oggi)
TAG:
coraggio gazzaniga

ultimo aggiornamento: 18-10-2020


Forum Internazionale della Formazione, presentata la IV edizione

Covid-19, rinviato il Forum Internazionale della Formazione