La biblioteca di mezzanotte (M. Haig, ed. E/O)

Tra la vita e la morte c’è una biblioteca e all’interno scaffali e scaffali di libri che si rincorrono all’infinito. Ogni libro offre la possibilità di vivere un’altra delle vite che avresti potuto vivere. Di vedere come le cose avrebbero potuto essere, se avessi fatto altre scelte. Avresti agito diversamente se ti fossi gettata alle spalle i rimpianti?”

Il nuovo romanzo del bravissimo Haig ricalca in pieno la sua cifra stilistica vincente: ironia, tenerezza, sensibilità.

Protagonista della storia è Nora, una giovane donna che si trova a essere disinnamorata della vita tanto da pensare di rinunciarci. In questo frangente capita nella biblioteca di mezzanotte, un luogo surreale in cui si ha la possibilità, sotto la guida dell’attenta bibliotecaria, di rivedere la propria esistenza, filtrare i rimpianti e provare a scegliere di vivere una vita diversa da quella che si intende lasciare. Ogni vita aspetta di essere scoperta e esplorata all’interno di un libro. Così Nora inizia a pensare a cosa nella sua vita non sia funzionato e, saltando di trama in trama, di possibilità in possibilità, sperimenta diversi copioni della sua vita ma anche differenti versioni di sé. Le varie versioni e proiezioni di Nora hanno in sé sempre qualcosa di insoddisfatto o di incompleto tanto che poi la protagonista rischia di essere risucchiata e scomparire insieme alla biblioteca. In una cosa contro il tempo dovrà chiedersi e rispondersi alla domanda: come vivere al meglio la propria vita?

Il libro di Haig è tenero, ironico, capace di scaldare il cuore. E’ un libro incoraggiante, denso, che mette al centro la voglia di vivere e l’intreccio di trame esistenziali nelle pagine dei giorni. Il tono, apparentemente leggero, è un’acuta riflessione sull’importanza di amare la vita in ogni suo aspetto, di guardare i rimpianti come opportunità per capire cosa davvero vogliamo, osare e provare tante versioni di noi fino a vivere in modo autentico fuori dai copioni la nostra vita.

Un libro scorrevole, capace di coinvolgere e attirare e al tempo stesso di far pensare, un libro che fa bene, da leggere assolutamente!

Ogni vita contiene in sé milioni di decisioni. Ma ogni volta che una decisione prevale sull’altra il risultato cambia”

Erika Pucci

@erykaluna

(Visitato 31 volte, 1 visite oggi)

“Il caso dell’abominevole pupazzo di neve”[Recensione libro]

“Gridalo!” [Recensione libro]