La proteina dell’amore (M. Innocenti, Giunti editore, 2021)

Trama

Paolo è il tredicenne protagonista del nuovo romanzo di Marco Innocenti. Il romanzo inizia con la grande novità della sua vita: indossare gli occhiali. Un dettaglio che alimenta le sue numerose insicurezze già presenti. I problemi del nostro tredicenne, autoironico e coinvolgente, sono per esempio la matematica, i familiari spesso distanti fisicamente durante la giornata, la sua altezza non colossale. L’evento che può cambiare la sua vita accade un giorno in un’edicola dove su una rivista scientifica trova la probabile soluzione ai suoi problemi: il bacio. Infatti, pare che il bacio stimoli una particolare proteina adatta a far crescere rapidamente. Così tra sperimentazioni, partite di pallone, baci e mononucleosi, tradimenti e amicizie, Paolo scoprirà meglio il suo modo di stare al mondo concentrandosi sulla bellezza che l’adolescenza riserva: oltre alle crisi e alle complessità, infatti, possono capitare molte cose belle, come per esempio innamorarsi.

Note al margine

Marco Innocenti con la “Proteina dell’amore”, pubblicato per la collana “Cactus” di Giunti, ci porta con la sua indiscussa maestria nel mondo degli adolescenti. Ciò che sempre sorprende nei libri di Marco è lo sguardo, la sua capacità di calarsi profondamente nei suoi personaggi e di farci vedere il mondo esattamente con il loro punto di vista tanto che ridiamo, soffriamo, esultiamo durante tutta la trama insieme ai suoi personaggi anche noi lettori “un po’ cresciuti”.

Il libro è pensato per la fascia di età dagli 11 anni in su ma credo possa essere molto interessante e stimolante per l’ultima classe della scuola primaria, adatto sia a una lettura individuale che di gruppo. La potenza di questa narrazione è la capacità di immedesimazione nei confronti della storia: i temi, le emozioni, i dubbi, gli eventi che costellano “La proteina dell’amore” sono esattamente nelle corde dei giovanissimi e raccontati con ironia e partecipazione. Il linguaggio e la forma sono cristallini, nitidi e la storia è proposta con un carattere ad alta leggibilità per favorire un’inclusione maggiore. La grande tematica della difficoltà di crescere viene affrontata da Marco Innocenti con autenticità e freschezza: chi legge questo libro trova prima di tutto un amico. Consigliato per i giovanissimi, ma non solo.

Il libro in una frase

“Come si descrive un bacio? Bisognerebbe chiederlo a uno scrittore. Ma una cosa è certa: io Costanza ci siamo baciati”

(Visitato 70 volte, 1 visite oggi)
TAG:
Marco Innocenti

ultimo aggiornamento: 02-04-2021


Dal covid a Pirandello: il Brasile visto dallo scrittore Marco Lucchesi

Non è di maggio [Recensione libro]