Ammonta a circa 20 milioni di euro il primo pacchetto dei progetti di fattibilità individuati dalla giunta seravezzina per concorrere all’assegnazione dei finanziamenti del PNRR, il Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Un nutrito elenco di progetti che, in questi mesi, sono stati oggetto di approfondite valutazioni tecnico economiche da parte di un gruppo di lavoro composto da professionalità tecniche, amministrative e politiche.

“I progetti predisposti per intercettare i fondi del PNRR – spiega il sindaco di Seravezza Lorenzo Alessandrini – sono il frutto di un lavoro ben strutturato, portato avanti in questi mesi da un team operativo con a capo un assessore molto esperto qual è Michele Silicani. Siamo pienamente consapevoli che i fondi messi a disposizione dal PNRR rappresentano un’occasione imperdibile che, proprio per questo, ci ha trovati pronti con la predisposizione di adeguati progetti”.

L’obiettivo dell’amministrazione comunale è di promuovere un significativo programma di investimenti finalizzati al miglioramento dei servizi resi alla persona e alla comunità, allo sviluppo dell’economia locale e alla sostenibilità degli interventi a tutela del territorio comunale, secondo gli obiettivi fissati nel programma elettorale.

“Un primo step di progetti che, mi preme sottolineare – spiega l’assessore al PNRR Michele Silicani – scaturiscono da una condivisione avvenuta a tutti i livelli, frutto di una profonda collaborazione tra uffici e territorio, attraverso un attento ascolto della cittadinanza avviato in campagna elettorale e mantenuto come elemento caratterizzante della nostra amministrazione”.

I PROGETTI

Le aree interessate in questa prima fase sono quelle dei settori lavori pubblici, protezione civile e ambiente, della cultura e del sociale il cui ufficio sta collaborando strettamente con l’ambito territoriale Versilia in vista delle priorità da proporre alla Regione Toscana.

LAVORI PUBBLICI

La batteria più consistente di progetti riguarda le opere pubbliche per le quali sono già stati anticipati alla stampa i progetti per la messa in sicurezza delle strade di collegamento tra il capoluogo e i paesi di montagna (2 milioni e 230 mila euro) e per il restauro della passerella pedonale sul fiume Vezza (270 mila euro).

A questi interventi si vanno ad aggiungere:

– la ristrutturazione dell’area sportiva di via Catene a Marzocchino e la realizzazione di un nuovo impianto sportivo polivalente (2 milioni di euro);

– la sostituzione edilizia della palestra della scuola primaria “Ermenegildo Frediani” a Seravezza, struttura che sarà oggetto di lavori di messa in sicurezza per tornare ad ospitare le classi attualmente dislocate sui plessi di Ripa e Frasso (1 milione di euro).

– Sempre nell’ambito scolastico, il team comunale per il PNRR ha inserito un progetto – dal valore presunto di 400 mila euro – per la costruzione di un nuovo asilo nido.

– Altro capitolo riguarda le opere di efficientamento energetico per Palazzo Mediceo e le Scuderie Medicee, dal costo preventivato di 100 mila euro.

– 600 mila euro è la stima di spesa per il restauro e la valorizzazione del giardino di Palazzo Rossetti (IV lotto) e per la Villa Buon Riposo a Pozzi.

– Consistente la voce relativa al riuso e rifunzionalizzazione delle strutture edilizie esistenti presso la colonia marina di Forte dei Marmi (5 milioni di euro).

Per altri progetti, inoltre, si è in attesa della pubblicazione del bando, tra questi:

– l’ampliamento di via Fossone a Basati (400 mila euro)

e una serie di altri interventi per i quali è in fase di definizione la richiesta di contributo:

– adeguamento del certificato prevenzione incendi di scuole e immobili comunali,

– nuova strada di Azzano e di Fabbiano,

– studio per la riqualificazione delle piazze di Querceta,

– studio per il completamento della rete di raccolta delle acque meteoriche.

AMBIENTE

Per quanto concerne l’ambiente, oltre al già annunciato centro di raccolta per verde e rifiuti ingombranti in località Ceragiola, è stata richiesta a GAIA

– la realizzazione od estensione della fognatura nera, in particolare da Ruosina a Seravezza, in via Emilia, via Santa Maria della Neve, via Sceltino traversa A, via Mignano, mediante eventuali impianti e la realizzazione della quarta vasca del depuratore.

CULTURA

Nel settore cultura sono stati individuati progetti inerenti per lo più la digitalizzazione del patrimonio documentale esistente, per un totale di oltre 120 mila euro. Tra gli interventi previsti:

– digitalizzazione di ulteriori 7.500 fogli, per un totale di 15 mila immagini, che permetterebbe il completamento dell’acquisizione dei documenti più antichi del periodo post-unitario con contestuali azioni per rendere questo patrimonio accessibile a studiosi e cittadinanza;

– digitalizzazione della sezione locale della biblioteca e di tutti quei beni culturali significativi per la storia del territorio, afferenti l’area medicea;

– progetto (dal costo di 5 mila euro) sulla formazione rivolta ai cittadini per l’e-learning, ovvero l’utilizzo della piattaforma digitale e la relativa fruizione della stessa.

SOCIALE

Ammonta a 9 milioni il budget che andrà a finanziare dieci progetti sull’intero ambito territoriale della Versilia. Per questo è in atto una stretta collaborazione tra tutti i Comuni, per giungere a progetti condivisi.

– Il Comune di Seravezza mette sul tavolo il progetto “Siamo una famiglia” finalizzato allo sviluppo educativo domiciliare, alla creazione di punti territoriali socio culturali, anche con modalità di centro diurno, ad attività di socializzazione per famiglie e supporti logistici di prossimità.

– L’altro progetto, denominato “Nipoti di Comunità”, è destinato ad anziani non autosufficienti e fragili, attraverso l’attivazione di reti naturali di protezione che possano consentire la permanenza della persona anziana fragile nel proprio domicilio, mettendo a sistema le risorse del territorio.

(Visitato 66 volte, 1 visite oggi)

Forte dei Marmi, superbonus: “Si corregga norma deleteria su cessione crediti”

La Scuola IMT e Nemesys avviano un progetto di ricerca e sviluppo per i materiali e le tecnologie della filiera dell’idrogeno