Un concerto, un docufilm e un videoclip promossi e finanziati dal Consiglio regionale in ricordo di due “personalità storiche della Toscana” come Enrico Pieri e Cesira Pardini, tra i pochissimi sopravvissuti della strage di Sant’Anna di Stazzema, recentemente scomparsi, che hanno fatto della loro vita una missione di testimonianza. Le iniziative fanno parte del progetto dell’associazione culturale Articolo 1, in collaborazione con la storica band musicale aretina Casa del Vento e si inseriscono nel contesto delle celebrazioni ufficiali per il 78° anniversario dell’eccidio organizzate dal Parco Nazionale della Pace e dal Comune di Stazzema.

Il concerto si terrà giovedì 11 agosto alle 19: la Casa del Vento, accompagnata dal Quartetto Euphoria, nella piazza della Chiesa di Sant’Anna, porterà sul palco, oltre ai brani storici, pezzi del recente album ‘Alle Corde’ (New Model Label) nel quale spicca la canzone ‘Girotondo a Sant’Anna’, che narra la strage del 12 agosto 1944. L’evento sarà aperto dai saluti istituzionali dei rappresentanti del Consiglio regionale, del Comune di Stazzema e dell’Associazione Martiri di Sant’Anna di Stazzema.

Nell’occasione saranno lanciati anche il  videoclip di ‘Girotondo a Sant’Anna’ e il docufilm che, sulle note del brano della Casa del Vento, raccoglie due testimonianze: quella di Adele Pardini, una delle due sorelle di Cesira che lei trasse in salvo durante la strage, e quella di Mario Marsili, anche lui uno dei pochi superstiti dell’eccidio. Il cortometraggio, girato da Andrea Castagna, sarà in seguito ampiamente divulgato nelle scuole della Toscana. In entrambi i lavori la voce narrante è quella dell’attore Neri Marcorè.

L’intera iniziativa è promossa e finanziata dal Consiglio regionale, in collaborazione con Archivi delle Resistenza di Fosdinovo, Museo della Resistenza di Sant’Anna di Stazzema e Comune di Stazzema, allo scopo di rendere omaggio a due personalità che, sono le parole del presidente dell’Assemblea legislativa, con la loro testimonianza hanno avuto il grandissimo merito di riuscire a tenere vivo il ricordo della strage nazifascista del 12 agosto 1944, soprattutto negli anni dell’oblio, incontrando tanti giovani e divenendo, per loro come per tutti noi, veri e propri fari nella tempesta. Meritano dunque a pieno titolo di essere compresi tra le personalità storiche della nostra regione, continua il presidente: coltivando il loro ricordo potremo commemorare idealmente tutte le vittime delle stragi nazifasciste avvenute in Toscana e tutti i sopravvissuti che hanno fatto della loro vita una missione di testimonianza.

Enrico Pieri, già presidente dell’Associazione Martiri Sant’Anna di Stazzema, è stato commendatore dell’ordine al merito della Repubblica italiana.

Cesira Pardini è stata medaglia d’oro al valore civile per aver salvato, pur ferita, due sorelle e un altro bambino.

(Visitato 52 volte, 1 visite oggi)

Pietrasanta, ricordo e partecipazione al tributo di sangue della Versilia

 78° Anniversario dell’Eccidio di Sant’Anna di Stazzema: dalle opere del pittore Guido Cagetti il grido “Mai più barbarie”