Tutto d’un fiato (Sonia Pellacani, ed. Portoseguro, 2023)

Il libro

Sonia Pellacani è una ballerina professionista che ha perseguito il sogno di ballare con determinazione fin dalla più tenera età. In “Tutto d’un fiato”, suo romanzo d’esordio, racconto il suo percorso artistico con una narrazione dove biografia e viaggi si intrecciano in modo avvincente.

Iniziando dalle prime lezioni di danza classica in Liguria, Sonia racconta le scelte e le mete che hanno scandito la sua crescita professionale e il suo amore travolgente per la danza.

Dalla Liguria, in età giovanissima, grazie a una borsa di studio, si trasferirà a Nizza e poi a Roma per perfezionare il suo stile. Accanto ai racconti su lezioni, coreografie, spettacoli, rapporti con le altre allieve dei corsi di danza, Sonia ci porta nella sua intimità, sottolineando la tenacia di costruire un sogno ma anche il prezzo che richiede come il distacco dalla famiglia, la lontananza da casa e dagli amici, l’organizzazione dello studio.

Dopo aver conseguito il diploma, la protagonista inizia a fare della sua passione una vero e proprio lavoro che la porterà a viaggiare in posti lontani venendo a contatto con culture e modi di vivere diversi e che l’hanno portata a lavorare con personaggi immensi da Vasco Rossi a Lady Gaga, fra successi e severe audizioni.

Innanzitutto, l’America, il sogno di ogni ballerino,  e poi, sulla rotta a passo di danza un viaggio dal Portogallo alle Filippine, compresa l’esperienza di navigazione in crociera fino al ritorno a casa dopo moltissimi anni in giro per il mondo.

Note al margine

Leggendo le pagine di Sonia Pellacani, fin dall’inizio, abbiamo chiare le motivazioni che hanno spinto la ballerina a cimentarsi nella scrittura della propria storia: il senso di gratitudine verso la famiglia che l’ha supportata, il riconoscimento nei confronti dei maestri e coreografi che l’hanno formata, l’attenzione verso le nuove generazioni a cui il libro è rivolto.

La bellezza di questo testo è proprio la capacità di andare oltre il tema centrale che è la danza. Infatti, se da una parte può interessare tutti coloro che fanno parte di questo poliedrico e affascinante mondo, dall’altro i temi che emergono nella storia di Sonia sono universali e accattivanti per molti. Fra questi l’importanza della famiglia, la tenacia, il confronto con gli altri, il mettere alla prova se stessi nella costruzione di un sogno.

Un libro che trovo in questi aspetti molto attuali e che sa parlare direttamente al lettore per lo stile fresco e autoironico che lo caratterizza, per i tanti paesaggi, umani e geografici, che attraversa, e anche per la conclusione di ogni capitolo in cui c’è uno spazio di introspezione guidata per chi legge. Un vero e proprio viaggio nel mondo della danza, dei giovani e di quanto le passioni siano il motore principale dei piccoli e grandi sogni.

(Visitato 18 volte, 1 visite oggi)


A Pietrasanta la mostra “Africa Tunes”:
 visioni e contraddizioni di uno straordinario continente

Manzoni e Carducci, vite a confronto nel convegno a Pietrasanta